Ultimo aggiornamento alle 0:11
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Il governo impugna lo Statuto calabrese

Le modifiche allo Statuto regionale così come sono non convincono il governo. Tanto che il Consiglio dei ministri ha deciso di impugnare davanti alla Corte costituzionale la legge con cui è stata m…

Pubblicato il: 30/06/2014 – 21:25
Il governo impugna lo Statuto calabrese

Le modifiche allo Statuto regionale così come sono non convincono il governo. Tanto che il Consiglio dei ministri ha deciso di impugnare davanti alla Corte costituzionale la legge con cui è stata modificata la “magna charta” calabrese. I giudici della Consulta saranno chiamati a valutare la legittimità della norma grazie alla quale è stata reintrodotta la figura del “consigliere supplente” ovvero la possibilità che il consigliere regionale nominato assessore lasci lo scranno al primo dei non eletti della sua lista. Per Palazzo Chigi tale previsione contrasta con gli articoli 67 e 122 (primo comma) della Costituzione. È corsa contro il tempo, invece, per evitare una bocciatura sulla legge elettorale. Il dipartimento degli Affari regionali ha inviato al presidente del consiglio regionale Franco Talarico una missiva per segnalare tutte le criticità del testo approvato a maggioranza lo scorso 3 giugno e i correttivi da apportare. Senza risposte esaustive, cioè senza modifiche alla legge, l’impugnazione sarà automatica e deliberata nel corso del prossimo Consiglio dei ministri in programma il 10 luglio. L’impugnazione della legge elettorale – per la quale il governo ha fino a 60 giorni di tempo dalla pubblicazione – non ferma comunque l’iter del voto perché «non produce effetti sospensivi» sul testo. E d’altronde a spingere per uno stop c’è pure Palazzo Chigi, convinto ora più che mai – alla vigilia di un sempre più probabile incontro tra lo stesso Renzi e i vertici del Movimento 5 Stelle – che le regole del voto vadano scritte cercando il massimo consenso tra le forze politiche. Non esattamente quello che è successo in Calabria.

 

RESTANO I COMMISSARI A MELITO Sempre ieri sera il Consiglio dei ministri, su proposta del ministro dell’Interno Alfano, ha deliberato la proroga dello scioglimento del consiglio comunale di Melito Porto Salvo, al fine di perfezionare gli interventi di contrasto all’infiltrazione e al condizionamento della criminalità organizzata locale.

 

STATO D’EMERGENZA PER IL MALTEMPO A seguito della riassegnazione, nell’esercizio finanziario 2014, della somma di 100 milioni di euro al Fondo per le emergenze nazionali (disposta dalla legge di conversione del decreto legge 74 del  2014), Palazzo Chigi ha deliberato lo stato d’emergenza per la Calabria relativamente alle avversità atmosferiche verificatesi nei giorni 15 e 16 novembre, 18 e 19 novembre, 30 novembre e 1° dicembre 2013 e dal 1° al 3 febbraio 2014.

an. ri. 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x