Ultimo aggiornamento alle 21:24
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Bimbo morto in piscina, sequestrati i braccioli e le immagini riprese da una telecamera

COSENZA Proseguono le indagini sulla morte del piccolo Gianfranco Esposito, deceduto mercoledì 2 luglio mentre era nella piscina cosentina di Campagnano. Il procuratore capo del Tribunale bruzio, D…

Pubblicato il: 12/07/2014 – 10:59
Bimbo morto in piscina, sequestrati i braccioli e le immagini riprese da una telecamera

COSENZA Proseguono le indagini sulla morte del piccolo Gianfranco Esposito, deceduto mercoledì 2 luglio mentre era nella piscina cosentina di Campagnano. Il procuratore capo del Tribunale bruzio, Dario Granieri – che coordina l’inchiesta assieme al pm Maria Francesca Cerchiara – ha disposto il sequestro dei braccioli usati da tutti i bimbi il giorno della tragedia e anche delle immagini riprese da una telecamera. Il 5 luglio scorso è stata eseguita l’autopsia da parte del professore Francesco Vinci, cattedratico di Medicina legale dell’Università di Bari. Il medico si è riservato di comunicare l’esito degli accertamenti tra 60 giorni. Quello che emerso nell’immediato è stato soltanto la presenza di acqua nei polmoni. «Ma – ha ribadito Granieri –, allo stato, non è possibile fare alcun collegamento. Dobbiamo aspettare che venga depositata la perizia». L’esito degli esami effettuati permetteranno di verificare se il piccolo abbia ingurgitato acqua – e quanta – dopo essersi sentito male, o se sia annegato. La Procura, solo in via precauzionale, ha notificato 6 avvisi di garanzia a 5 istruttori e al legale rappresentante della struttura, Carmine Manna. Si è trattato esclusivamente di un atto dovuto per consentire alle persone destinatarie degli avvisi di partecipare all’autopsia, essendo un atto irripetibile.

 

IL GIORNO DELLA TRAGEDIA 
Lo scorso 2 luglio, Il piccolo Giancarlo era al suo primo giorno al “Kinder garden”, l’area esterna della piscina comunale dedicata ai più piccoli. Dopo una prima ora di gioco, il piccolo assieme agli altri bimbi era stato portato all’interno della struttura per nuotare nella piscina usata dalle persone disabili, quindi adatta anche ai bambini. Quando, all’improvviso, il bimbo si è sentito male. Gli istruttori e un medico che si trovava sul posto – che lo hanno soccorso – hanno provato a rianimarlo, in attesa dell’arrivo del 118. Ma al momento dell’intervento dell’ambulanza sarebbe già stato trovato in arresto cardiaco. Il bimbo è stato poi portato in ospedale dove i medici hanno provato le tecniche di rianimazione, senza risultati. È morto poco dopo l’arrivo all’Annunziata. I suoi genitori, affranti dal dolore, vogliono soltanto sapere perché il loro unico bambino è morto. (0050)

 

Mirella Molinaro

m.molinaro@corrierecal.it

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb