Ultimo aggiornamento alle 23:11
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Il vescovo di Locri contro le feste «che sanno di paganesimo»

LOCRI Il nuovo Vescovo di Locri, monsignor Francesco Oliva, si rivolge – con una «lettera estiva» – ai fedeli soffermandosi sul concetto di «festa» e su come evitare «quelle esagerazioni che confon…

Pubblicato il: 31/07/2014 – 16:59
Il vescovo di Locri contro le feste «che sanno di paganesimo»

LOCRI Il nuovo Vescovo di Locri, monsignor Francesco Oliva, si rivolge – con una «lettera estiva» – ai fedeli soffermandosi sul concetto di «festa» e su come evitare «quelle esagerazioni che confondono la genuina manifestazione di una fede vissuta con espressioni esteriori che spesso nulla hanno a che vedere con essa».
«Fare festa, in questo nostro tempo e in questa nostra terra – sostiene monsignor Oliva – è segno di una speranza che non delude. Ma guai se tali momenti di festa divenissero occasioni di evasione e di effimero godimento. C’è modo e modo di vivere la festa. Troppo spesso il nostro modo di far festa che non bada a spese e che è facile tacciare di consumismo (cantanti, fuochi, luminarie) serve poco alla nostra crescita umana e spirituale, culturale e sociale. Mi chiedo come questo possa conciliarsi con la vita sofferta di tanti che faticano a trovare un lavoro e sono costretti a prendere la via dell’emigrazione. Resistono ancora processioni dalla lunga durata, durante le quali tutt’altro si fa che pregare. Esse nascondono radici che sanno di paganesimo o comunque sono evidente commistione tra sacro e profano. Ciò che mi duole di più è che sono occasioni mancate. Mancate, quando non sono occasioni di preghiera e di ritorno a Dio. Mancate, quando potevano essere momenti aggregativi e di riflessione, di crescita culturale e sociale e si sono trasformate in occasione di semplice divertimento di effimera durata. E mancate, ancora, quando potevano prevedere gesti belli di solidarietà e di progettualità caritativa, destinando parte delle offerte dei fedeli a tali finalità, mentre tutto è stato consumato nello stile di un consumismo esasperato, in costosi spettacoli di una o più serata, in luminarie e fuochi d’artificio. E così, poveri eravamo e più poveri siamo rimasti».
Il vescovo di Locri chiede quindi «se non sia il caso di avviare nelle nostre parrocchie, nei gruppi e movimenti ecclesiali una seria verifica sul nostro modo di far festa? Ringrazio quanti si adoperano per educare ad una mentalità nuova, che si traduca in gesti evangelici».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x