Ultimo aggiornamento alle 0:00
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Regionali, partono i ricorsi degli esclusi

LAMEZIA TERME Come ogni tornata elettorale, anche quella appena conclusa si porta dietro una coda di polemiche, recriminazioni e, soprattutto, di contorte (e spesso estenuanti) vertenze giudiziarie…

Pubblicato il: 26/11/2014 – 12:17
Regionali, partono i ricorsi degli esclusi

LAMEZIA TERME Come ogni tornata elettorale, anche quella appena conclusa si porta dietro una coda di polemiche, recriminazioni e, soprattutto, di contorte (e spesso estenuanti) vertenze giudiziarie. Mentre al Tribunale di Cosenza va avanti il riconteggio dei voti delle ormai famigerate sezioni mancanti di Castrolibero, cominciano a registrarsi le prime mosse legali dei candidati che, alla luce di calcoli ancora ufficiosi, sono rimasti fuori da Palazzo Campanella pur avendo, a loro parere, pieno diritto a quello scranno che qualcuno starebbe ingiustamente occupando. Sul caso del seggio di Wanda Ferro, potenziale capo dell’opposizione, nonostante l’autoproclamazione di Ennio Morrone su twitter, regna ancora una nebulosa di confusione interpretativa che solo l’intervento della commissione elettorale potrà dipanare. Ma non è questo l’unico dubbio che aleggia sulla futura composizione del consiglio regionale calabrese. Francesco De Nisi, ex presidente della Provincia di Vibo che correva nella lista del Pd, ha già depositato una memoria – redatta dall’amministrativista Pino Pitaro – alla Corte d’Appello di Catanzaro perché, secondo i suoi calcoli, il bottino elettorale raccolto (8779 voti nella circoscrizione Centro) farebbe di lui il candidato che su scala regionale ha il resto maggiore e, quindi, gli spetterebbe uno dei seggi assegnati alla coalizione di centrosinistra in virtù del premio di maggioranza. Annuncia di voler ricorrere alle vie legali anche Rocco Sciarrone, consigliere provinciale reggino candidato a supporto di Oliverio nella lista “Calabria in rete”, che sostiene che il Pd non dovrebbe ottenere tre seggi anche nella circoscrizione Sud perché in questo caso le percentuali dei dem sono più basse rispetto agli altri due collegi. In sostanza, quindi, Sciarrone rivendica il seggio che è stato assegnato a Mimmo Battaglia, suo collega nel consiglio provinciale reggino.

Sergio Pelaia
s.pelaia@corrierecal.it

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x