Ultimo aggiornamento alle 13:03
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Lombardo: «Indagine delicata frutto di un lavoro certosino»

VIBO VALENTIA «Si è trattato di un’indagine delicata, frutto del lavoro di più organi di giustizia, Squadre mobili di Vibo e di Catanzaro e Sezione criminalità organizzata, quest’ultima rafforzata …

Pubblicato il: 06/03/2015 – 13:56
Lombardo: «Indagine delicata frutto di un lavoro certosino»

VIBO VALENTIA «Si è trattato di un’indagine delicata, frutto del lavoro di più organi di giustizia, Squadre mobili di Vibo e di Catanzaro e Sezione criminalità organizzata, quest’ultima rafforzata nella sua consistenza organica e qualitativa che tiene i rapporti con tutti i distretti». A dirlo il procuratore della Dda di Catanzaro Vincenzo Antonio Lombardo illustrando i dettagli dell’operazione che stamani ha portato all’arresto di Rosario Battaglia, Rosario Fiorillo e Raffaele Moscato e alla notifica dell’obbligo di dimora ad Annunziato Patania e Michele Fiorillo, questi ultimi due accusati di favoreggiamento nei confronti dei primi tre, ritenuti responsabili, invece, di omicidio. Battaglia è stato fermato a Vibo Valentia, Fiorillo a Milano e Moscato a Monterenzio (Bologna), mentre gli altri due indagati sono stati rintracciati a Piscopio. Al centro dell’inchiesta l’omicidio del boss Fortunato Patania, ritenuto capo della cosca, ucciso a Vibo nel settembre del 2011, che diede origine alla faida tra i Patania di Stefanaconi e il gruppo dei Piscopisani ai quali apparterrebbero i tre arrestati, accusati di omicidio aggravato dalle modalità mafiose e dai futili motivi, detenzione illegale di arma, anche da guerra, ricettazione e rapina. Si è trattato, ha aggiunto Lombardo, di «un lavoro certosino, portato a termine grazie all’impegno della Polizia e che si è basato su una serie di captazioni ambientali, filmati video e controlli dei tabulati telefonici sia nei momenti antecedenti l’assassinio del boss Fortunato Patania che nelle fasi immediatamente successive». A questo si sono aggiunti «i preziosi contributi offerti dai collaboratori di giustizia Loredana Patania, nipote del boss ammazzato in risposta all’omicidio dell’agricoltore Michele Mario Fiorillo, avvenuto due giorni prima, e di Daniele Bono». Il magistrato ha anche sottolineato come tutti gli episodi emersi in questa indagine, denominata “San Michele” dal nome del patrono di Piscopio, frazione di residenza degli indagati, esigano «una visione unitaria nell’ambito di una faida che ha mietuto sei morti in pochi mesi» ed ha evidenziato la necessità della presenza di «giudici esperti nel settore della criminalità organizzata. Presi singolarmente – ha aggiunto – non si avrebbe infatti un quadro d’insieme completo». All’incontro con i giornalisti hanno partecipato i capi delle squadre mobili di Vibo Valentia Orazio Marini (che ha ereditato l’inchiesta dal predecessore Antonio Turi) e di Catanzaro Rodolfo Ruperti.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x