sabato, 06 Marzo
Ultimo aggiornamento alle 0:08
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Praia a Mare, contestazione per Bruno Bossio e Magorno – VIDEO

PRAIA A MARE «Viene solamente qua a dire sì e no. A noi interessa solo l’ospedale di Praia a Mare». È così che l’incontro per spiegare le ragioni della riforma costituzionale si trasforma, per qual…

Pubblicato il: 28/11/2016 – 17:27
Praia a Mare, contestazione per Bruno Bossio e Magorno – VIDEO

PRAIA A MARE «Viene solamente qua a dire sì e no. A noi interessa solo l’ospedale di Praia a Mare». È così che l’incontro per spiegare le ragioni della riforma costituzionale si trasforma, per qualche minuto, in un’arena. Sullo sfondo c’è Nicola Adamo (che si becca le prime rimostranze), in prima fila Enza Bruno Bossio, al tavolo dei relatori Ernesto Magorno, la cui espressione chiarisce una sola cosa: vorrebbe essere altrove. E invece è a Praia a Mare, dove la manifestazione per il Sì diventa una contestazione ai dem calabresi. È infuocato il clima sull’Alto Tirreno cosentino: la ferita dell’ospedale chiuso non si è mai rimarginata. Se ne accorgono presto gli esponenti del Pd: il dibattito si incendia e deraglia nel breve volgere di qualche secondo. Il primo cittadino infuriato si avvicina al segretario regionale del Pd: «Magorno a Verbicaro aveva detto che l’ospedale era riaperto». E invece l’ospedale è ancora chiuso (e il segretario è già in modalità “io non sono qui”).

{youtube}C-8M-VXu69U{/youtube}
(Il video realizzato da CalNews a Praia a Mare)

«Lo apriamo», dice Adamo – defilato – ai contestatori. Ma il volume cresce. Difficile piazzare lo spot per il Sì quando gli animi sono così esagitati. Difficile anche prendere le distanze dalle politiche sanitarie degli ultimi anni. Ci prova Enza Bruno Bossio: «Siamo reduci dalle nottate di votazioni sulla legge di Bilancio». E giù fischi. La deputata vuole spiegare che è grazie all’impegno del Pd che la politica è pronta a riprendere in mano la sanità. Ma i “buuuu” si sprecano e le scappa un «tu vatti a sedere» che la platea non gradisce.
«Il dipartimento della Regione ha già approvato la riapertura dell’ospedale, l’unico ostacolo erano i commissari – riesce a completare Bruno Bossio –. Dal primo gennaio i commissari di fuori non ci saranno più: si può finalmente parlare soltanto tra calabresi». Un timido applauso viene interrotto da un «Chi li ha messi i commissari?» che riporta dritti a uno dei paradossi dem: il Pd calabrese non vuole Massimo Scura ma sostiene la riforma pensata dal governo che ha nominato lui e il suo vice Andrea Urbani. Difficile spiegarlo a quella parte di platea per la quale la ferita dell’ospedale non si è mai rimarginata. «Mo’ basta! Stai zitto che ti conviene», dice il sindaco di Praia a Mare Antonio Praticò a uno dei contestatori. Finiscono così i quattro minuti documentati da CalNews. L’iniziativa per il Sì è andata davvero bene. (ppp)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb