Ultimo aggiornamento alle 23:07
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

I pizzini del carabiniere infedele passati ai "Piscopisani"

VIBO VALENTIA Un carabiniere infedele avrebbe passato notizie riservate al clan mafioso dei “Piscopisani”, operante nella frazione Piscopio di Vibo Valentia. È quanto rivelato oggi in aula dal nuov…

Pubblicato il: 21/12/2016 – 16:22
I pizzini del carabiniere infedele passati ai "Piscopisani"

VIBO VALENTIA Un carabiniere infedele avrebbe passato notizie riservate al clan mafioso dei “Piscopisani”, operante nella frazione Piscopio di Vibo Valentia. È quanto rivelato oggi in aula dal nuovo collaboratore di giustizia vibonese Raffaele Moscato, ex killer dei Piscopisani, che ha fatto il suo esordio da pentito nel processo nato dall’operazione antimafia “Romanzo criminale” contro il clan Patania di Stefanaconi. Il carabiniere, secondo Moscato, avrebbe girato un bigliettino a Francesco Scrugli (killer dei Piscopisani e del clan Lo Bianco) con l’indicazione di due elementi del clan rivale che avrebbero cercato di ucciderlo. Francesco Scrugli fu ucciso nel marzo del 2012 a Vibo Marina in un agguato in cui rimase ferito anche lo stesso Moscato. Nella faida fra i Piscopisani ed i Patania si sarebbe inserito pure il boss di Limbadi e Nicotera, Pantaleone Mancuso, detto “Scarpuni”, che, ha svelato il collaboratore, avrebbe «finanziato con centomila euro l’acquisto di armi da consegnare ai Patania».

KILLER TRAVESTITI DA POLIZIOTTI Moscato, collegato in video conferenza da una località segreta, ha rivelato anche uno stratagemma utilizzato dai clan in guerra per uccidere Rosario Fiorillo, di Piscopio. Secondo il pentito, alcuni esponenti del clan dei Patania, con le divise addosso, spacciandosi per agenti della Dia avrebbero bussato all’abitazione di Fiorillo, attualmente in carcere ma all’epoca agli arresti domiciliari, per farsi aprire il portone di casa e ucciderlo. Quando l’uomo si affiacciò alla finestra del primo piano della sua abitazione, i killer avrebbero aperto il fuoco, ma i vetri blindati dell’abitazione avrebbero fatto da scudo salvando la vita alla vittima predestinata. Fiorillo sarebbe stato ritenuto dai fratelli Patania di Stefanaconi come uno degli autori dell’omicidio del padre Fortunato Patania e per questo era finito nel “mirino” nell’ambito della faida con il clan dei Piscopisani. 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x