Ultimo aggiornamento alle 20:14
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 5 minuti
Cambia colore:
 

Cosenza, spaccio tra la borghesia delle professioni – VIDEO

COSENZA Dalle prime ore di martedì mattina poliziotti della squadra mobile di Cosenza e finanzieri della locale Compagnia della Guardia di Finanza stanno eseguendo due distinte ordinanze cautelari,…

Pubblicato il: 25/07/2017 – 4:49
Cosenza, spaccio tra la borghesia delle professioni – VIDEO

COSENZA Dalle prime ore di martedì mattina poliziotti della squadra mobile di Cosenza e finanzieri della locale Compagnia della Guardia di Finanza stanno eseguendo due distinte ordinanze cautelari, disposte dal giudice per le indagini preliminari  su richiesta della Procura. Alle prime ore di oggi, infatti, al culmine di articolate indagini, supportate da presìdi tecnologici, condotte dalla Mobile, è stata eseguita l’ordinanza di applicazione di misure cautelari dell’operazione Oberdan a carico di 7 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di detenzione e cessione di cocaina, eroina, marijuana e hashish, estorsione e incendio. Nei confronti di cinque indagati il gip ha disposto l’applicazione della custodia cautelare in carcere, mentre per altri due la misura cautelare degli arresti domiciliari presso l’abitazione di residenza. Mentre nell’operazione della Finanza “Ovuli Itineranti” sono state emesse quattro misure interdittive. Per una persona sono stati disposti gli arresti domiciliari, per le altre tre obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. 

OPERAZIONE DELLA POLIZIA Le indagini condotte dalla squadra mobile cosentina hanno consentito di disarticolare un gruppo di spacciatori operanti principalmente nel centro storico di Cosenza, in particolare nella zona di Via Oberdan (da cui il nome dell’operazione di polizia). Gli indagati avviavano i contatti direttamente con gli acquirenti, che ben conoscevano le abitudini degli spacciatori. Gli investigatori della Mobile grazie a degli appostamenti fatti a distanza riuscivano a monitorare gli scambi della droga che avvenivano anche presso luoghi concordati de visu. Durante l’attività venivano effettuati ben 21 riscontri con sequestro di sostanze stupefacenti, tra i quali alcuni anche in provincia, precisamente a Marano Marchesato presso l’abitazione di uno degli indagati. La droga sequestrata nel corso delle indagini risulta prevalentemente essere cocaina e in qualche occasione anche eroina, marijuana ed hashish. 
Tra gli assuntori emergono soggetti già noti come tali fra cui esponenti della borghesia delle professioni, tra i quali avvocati, impiegati di banca e anche pensionati. 

BLITZ DELLA FINANZA L’operazione Ovuli Itineranti è stata condotta dai finanzieri del comando provinciale di Cosenza, sotto la stretta direzione della Procura di Cosenza, nei confronti di un gruppo di persone ritenute responsabili, a vario titolo, di usura, spaccio di sostanze stupefacente e furti. L’operazione ha portato all’esecuzione di 4 misure cautelari personali e di varie perquisizioni locali, effettuate con l’ausilio delle unità cinofile del Corpo, nonché a trarre in arresto, lo scorso mese di Marzo, due spacciatori che avevano ingerito ovuli imbottiti di eroina. Quattro le persone coinvolte. Per una sono stati disposti gli arresti domiciliari, per le altre tre obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.
Le investigazioni si avviavano nei confronti di un appartenente alla malavita cosentina che praticava condotte usuraie ai danni di una vittima, che versava in condizioni di difficoltà economica, alla quale venivano applicati interessi annuali pari al 120 % della somma prestata. Le fiamme gialle calabresi ricostruivano stretti rapporti d’interesse tra l’usuraio ed altri soggetti dediti principalmente allo spaccio di droga, destinata al consumo locale, ed ai furti di accessori di autoveicoli, rivenduti nel mercato parallelo per occultarne la provenienza. Gli spacciatori per rifornirsi della sostanza stupefacente utilizzavano un singolare modus operandi che consisteva nello stipulare preliminari accordi con i fornitori, situati nella zona di Casal di Principe (CE), e nell’incaricare del trasporto della stessa altre persone che ingerivano ovuli contenenti eroina, all’intero del proprio corpo, e ricevevano un compenso solo se la consegna andava a buon fine. A insospettire i finanzieri è stato il comportamento di taluni individui che si recavano frequentemente nella città di Cosenza, simulando visite di cortesia nei confronti di amici o conoscenti, mentre nei fatti operavano come veri e propri corrieri umani di droga. Proprio il monitoraggio di questi comportamenti ha permesso di selezionare due uomini, provenienti dalla zona del casertano, che sottoposti ad esami diagnostici, presso il locale ospedale, risultavano aver ingerito un considerevole quantitativo di “eroina bianca”, caratterizzata dall’elevata purezza, con cui si sarebbero potute realizzate oltre 700 dosi. Provvidenziale si è rilevato l’arresto di uno dei due soggetti, gravato da precedenti specifici, che aveva programmato, nei giorni immediatamente successivi, l’esecuzione di una rapina in un ufficio postale situato nella provincia di Cosenza. In queste due occasioni del tutto peculiare si è rilevato il ruolo dei c.d. ovulatori che, a differenza di quanto avviene nella maggior parte dei casi di cronaca, non sono stati impiegati per il trasporto della droga da paesi esteri ma bensì in attività di “spaccio interno”, ovvero per movimentare eroina tra due località situate all’interno del territorio nazionale.

Queste tecniche di trasporto occulto, particolarmente difficoltose da individuare in occasione dei controlli di polizia, risultano molto pericolose per la salute dei soggetti che le praticano poiché li espongono al rischio di rottura degli ovuli e alla diffusione diretta della sostanza stupefacente nell’organismo.
I dettagli delle operazioni verranno illustrati nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle 11.00 negli uffici della Procura della Repubblica di Cosenza alla presenza del procuratore della Repubblica, Mario Spagnuolo, dell’aggiunto Marisa Manzini, del questore di Cosenza, del comandante provinciale della Guardia di Finanza e degli investigatori.

Mirella Molinaro
m.molinaro@corrierecal.it

 

 

 

 

[iframe src=”https://www.youtube.com/embed/DZIYaFjDEYo?ecver=2″ width=”640″ height=”360″ frameborder=”0″ style=”position:absolute;width:100%;height:100%;left:0″ >
Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x