Ultimo aggiornamento alle 16:22
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Reggio, carabinieri in Comune: acquisiti documenti dello staff del sindaco

REGGIO CALABRIA La querelle a colpi di chilometrici comunicati stampa e frecciatine social fra l’ex assessore Angela Marcianò e il sindaco Giuseppe Falcomatà non è rimasta confinata all’ambito poli…

Pubblicato il: 09/08/2017 – 13:03
Reggio, carabinieri in Comune: acquisiti documenti dello staff del sindaco

REGGIO CALABRIA La querelle a colpi di chilometrici comunicati stampa e frecciatine social fra l’ex assessore Angela Marcianò e il sindaco Giuseppe Falcomatà non è rimasta confinata all’ambito politico. Anche la Procura di Reggio Calabria vuole vederci chiaro sulle questioni sollevate dall’ex assessore. In particolare, secondo alcune fonti, le indagini si concentrerebbero  su quelle delibere e quegli atti amministrativi che Marcianò ha bollato come «ai limiti della legalità» ma su cui – ha specificato poi il sindaco- ci sarebbe anche la firma dell’ex assessore. Elementi da chiarire e approfondire per i magistrati, che per questo ieri hanno inviato i Carabinieri del Nucleo investigativo negli uffici del segretario generale con l’ordine di acquisire tutta la corrispondenza interna ed esterna, nell’ambito di una inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto Gerardo Dominijanni. Secondo indiscrezioni, non si tratterebbe della prima attività svolta nell’ambito dell’indagine. Dal Comune, il sindaco Giuseppe Falcomatà esprime massima serenità. «Non è la prima volta che succede – afferma -. In questi anni gli investigatori si sono presentati più volte sia in segreteria, sia negli uffici e da parte nostra c’è sempre stata tranquillità e collaborazione».
Il provvedimento arriva a poche settimane dalle dichiarazioni a mezzo stampa dell’ex assessore ai Lavori pubblici e attuale componente della segreteria nazionale del Pd Angela Marcianò che – dopo il ritiro delle deleghe deciso dal sindaco – aveva denunciato diverse irregolarità in merito all’attività dell’amministrazione comunale e fatto cenno a «situazioni torbide interne» e alla condotta di «postulanti, più o meno presentabili, tutti in affanno per chiedere favori, commesse e provvidenze discutibilmente legittime, benefici che evidentemente erano stati loro promessi». Pochi giorni dopo, Falcomatà aveva presentato un esposto alla commissione di garanzia del Pd per chiedere un intervento contro Marcianò: «Si può far finta di nulla dinnanzi al fatto dirompente che un membro della segreteria nazionale muova accuse così pesanti a un sindaco del suo stesso partito?».

a. c. 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x