Ultimo aggiornamento alle 23:58
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Sapia incalza Aiello: «Cosa dirà oggi a proposito della sanità calabrese?»

Il deputato ironizza ed evidenzia latenti dissapori all’interno del movimento. «Il mio disappunto riguarda il modo in cui i ministeri della Salute e dell’Economia ignorano la gravità dell’emergenza…

Pubblicato il: 17/12/2019 – 9:54
Sapia incalza Aiello: «Cosa dirà oggi a proposito della sanità calabrese?»

CATANZARO Continuano i battibecchi interni al MoVimento 5 Stelle. Questa volta è il turno del deputato Francesco Sapia che ironizza sulle recenti uscite del candidato pentastellato alle regionali, Francesco Aiello. Come si legge infatti in un post social, Sapia chiede: «Di cosa parlerà il prof. Aiello per quanto riguarda la sanità calabrese? Di Mancanza della riorganizzazione della rete ospedaliera? Di mancanza di realizzazione della rete territoriale? Della non presentazione del fabbisogno reale del personale? A chi lo dirà al commissario ad acta alla sanità o al capo politico del Movimento 5 Stelle? Oppure dirà che la sanità in Calabria è allo sfascio e il Governo osserva silente?»
Il riferimento, oltre che al carattere divisivo della candidatura dello stesso Aiello (non condivisa da tutti i pentastellati calabresi), potrebbe essere rivolto alla sua uscita di ieri sulla necessità di fermare «l’emigrazione sanitaria».
Aiello aveva infatti espresso il suo «sostegno per il recente appello dei direttori delle tre Cardiochirurgie calabresi affinché si eviti ogni forma di pubblicità tesa a portare pazienti nelle strutture del Nord». Aiello aveva anche sottolineato come questa fosse una questione molto seria, evidenziando una serie di punti che stanno alla base di questo fenomeno negativo.
LA PRECISAZIONE DI SAPIA Dopo qualche minuto, Sapia precisa. «Io non posso attaccare Aiello – spiega –, perché si tratta di un candidato che non ha mai avuto responsabilità di governo. Nel mio commento sintetico ho inteso, invece, ribadire il mio disappunto per come il Ministero della Salute e il Ministero dell’Economia stanno ignorando la gravità della situazione dei servizi sanitari della Calabria, che ha gli stessi diritti delle altre regioni. Intendo qui precisare la mia posizione, a scanso di equivoci e a beneficio di un’informazione completa, qual è quella che Corriere della Calabria ha sempre dato. Soprattutto in questa fase servono impegni e risposte precise da parte dei ministri della Salute e dell’Economia, che conoscono perfettamente i problemi della sanità calabrese. Eccone alcuni per cui chiedo, come ho già fatto formalmente, che i due ministri intervengano in prima persona: carenze pesantissime di personale, problemi di conti e legalità, mancata riapertura degli ospedali di Praia a Mare e Trebisacce, riorganizzazione del rapporto tra pubblico e privato ai fini della corretta integrazione dell’assistenza sanitaria, revoca delle nomine di quei commissari aziendali senza esperienza di organizzazione e gestione sanitaria. Sono indignato e non lo nascondo, perché finora la voce dei parlamentari che hanno lottato per migliorare la sanità calabrese è stata ascoltata molto poco. Credo che da candidato Aiello debba insistere su questi punti e a riguardo gli garantisco la mia piena collaborazione».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb

x

x