Ultimo aggiornamento alle 18:04
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l‘appello

Calabrone: «Chi vuole guidare Cosenza, riparta dal referendum sui beni comuni»

Il segretario della Cgil: «Urge svegliarsi per ritrovare il piacere del confronto e dell’inclusione»

Pubblicato il: 12/06/2021 – 20:16
Calabrone: «Chi vuole guidare Cosenza, riparta dal referendum sui beni comuni»

COSENZA «Chi vuole porsi alla guida della città di Cosenza, riparta dal referendum sui beni comuni. La discussione, a distanza di dieci anni e con un referendum che ha espresso in modo chiaro le indicazioni degli italiani, non ha fatto alcun passo avanti nel nostro paese e nella nostra città. Nei beni comuni, che non devono essere per forza materiali ed economici, ricadono tutti quei servizi da offrire alla collettività ma che rischiano di avere una gestione sempre di più privatistica a scopo di utile e non per il benessere dei cittadini. I beni comuni appartengono a tutti, non possono essere a vantaggio di pochi». È quanto dichiara in una nota il segretario generale della Cgil di Cosenza, Umberto Calabrone.
«A dicembre scorso, l’acqua è entrata nelle quotazioni di borsa di Wall Street, aprendo alla possibilità di fare speculazione finanziaria su un diritto universale, ridotto a merce, diritto che anche nella nostra città stenta ad essere garantito considerato che in troppi quartieri, per ore o per giorni, non arriva acqua potabile, comportando un costo aggiuntivo per le famiglie. La salvaguardia dell’ambiente attraverso servizi adeguati – prosegue il sindacalista – la fruizione di piazze e giardini pubblici, devono rappresentare l’azione, mai fino in fondo posta in essere dall’istituzione pubblica, al servizio della comunità attraverso la partecipazione alle scelte dei comitati di quartiere, delle associazioni di volontariato che sempre più frequentemente si sostituiscono alle istituzioni. La conoscenza del grande patrimonio culturale del nostro centro storico deve essere messa a disposizione della comunità, iniziando dai giovani e col coinvolgimento delle scuole».
«Il diritto universale alle cure – insiste Calabrone – ed alla salute non può essere monetizzato ma deve rappresentare il primario obiettivo per una comunità civile e non può essere delegato alla generosità di associazioni di volontariato o ai singoli cittadini o professionisti, ma si deve creare un sistema pubblico che dia risposte alle richieste di esigibilità del diritto alla salute da parte dei cittadini. E il bene comune più grande al servizio dei cittadini deve essere rappresentato dalla creazione di una comunità, di una idea solidale, fra periferie  e centro, attraverso il superamento delle barriere urbane e  dando sfogo ad un pensiero critico e costruttivo. La città di Cosenza e la sua area urbana sono il bene comune più grande della nostra comunità ma troppo spesso vissute con torpore dal quale, però, urge svegliarsi per ritrovare il piacere del confronto e dell’inclusione – conclude – da coltivare con costanza e non solo a ridosso di una campagna elettorale».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb