Ultimo aggiornamento alle 20:03
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’inchiesta

Estorsioni sui lavori della scuola elementare a Reggio, nuovi indagati

Il racconto di Seby Vecchio: «Facciolo in politica aveva buoni rapporti un po’ con tutti». Agli atti anche un vocale inviato a Falcomatà

Pubblicato il: 30/06/2021 – 17:52
Estorsioni sui lavori della scuola elementare a Reggio, nuovi indagati

REGGIO CALABRIA «Funziona così: la ditta fornitrice dei lavori emette una fattura per un importo superiore ai lavori effettivamente resi. Tale ditta poi storna il surplus, che è un’estorsione camuffata». Ai pm della Dda di Reggio Calabria Stefano Musolino e Walter Ignazitto, il collaboratore di giustizia Seby Vecchio ha raccontato come, da poliziotto ed ex assessore comunale, per conto della cosca Serraino ha imposto la mazzetta ai danni della ditta che stava costruendo la scuola elementare di San Sperato, nella periferia sud di Reggio Calabria. Si tratta di un appalto della Città metropolitana che, stando alla ricostruzione fatta dalla squadra mobile, per 670mila euro era stato assegnato alla ditta “Cosmak” di San Pietro Patti, in provincia di Messina. Su questa vicenda la Procura di Reggio Calabria, guidata da Giovanni Bombardieri, ha iscritto alcune persone nel registro degli indagati. Oltre ai maggiorenti della cosca Serraino, con l’accusa di estorsione aggravata delle modalità mafiose, è indagato il geometra di cantiere Gaetano Facciolo, incaricato dalla ditta “Cosmak” per la «gestione con la pubblica amministrazione». 

«Serra mi diede i soldi dell’estorsione»

«Mi rivolsi a Gaetano Facciolo e lui mi propose di parlare con Serra, altra ditta che portava il materiale in quel cantiere – ha detto Vecchio -. Feci un regalo a Facciolo per ricompensarlo. A quel punto Serra mi diede i soldi dell’estorsione». Anche lui indagato per l’estorsione, il collaboratore di giustizia ricorda che, poco prima delle elezioni comunali del settembre 2020, era stato contattato da Facciolo per i ritardi nei pagamenti da parte del Comune alla ditta che stava costruendo la scuola di San Sperato: «Facciolo – ha detto Vecchio ai pm – in politica aveva buoni rapporti un po’ con tutti». Per la prima tranche dei pagamenti, «interpella me – aggiunge il pentito – interpella Neri, vicesindaco, interpella Demetrio Naccari tramite Nino Caridi. A me mi chiama più volte perché comunque i geometri dell’edilizia scolastica mi conoscevano». Agli atti dell’inchiesta c’è anche un messaggio vocale inviato da Seby Vecchio al sindaco Giuseppe Falcomatà il 28 settembre 2020 dopo il primo turno e prima del ballottaggio delle comunali, col quale Vecchio chiedeva l’intervento del sindaco ricandidato per giungere al pagamento della prima tranche dei lavori.

Il messaggio vocale:

«Peppe buongiorno, scusami il disturbo, volevo, ho parlato un attimino con Armando Neri l’altro giorno, si dovrebbe fare un intervento su questo dirigente Consiglio che sembra che sia in ferie perché è già tutto pronto per il 20% dell’anticipo alla ditta, ma la ditta è molto avanti con i lavori. Quindi se puoi fare un intervento tu, anche perché lui Gaetano sta cercando di bloccare questa piccola protesta capisci bene che in questo momento c’è chi tifa per te e chi contro di te, lui dice io voglio lavorare, non è che mi interessa né di destra, né di sinistra, però se vengono questi e incitano gli operai a fare il blocco nella scuola non è una bella cosa, infatti mi ha chiamato a posta stamattina, siamo qua insieme e ti saluta, se potresti fare questo piccolo intervento, ti ripeto, già Armando è a conoscenza, non vorrei toccare la suscettibilità di Armando Neri, però, se mi fai sapere qualcosa di più concreto, è tutto già fatto, i soldi già ci sono, devono scendere solamente giù con la firma di Consiglio, grazie, ci aggiorniamo a dopo». Falcomatà, il vicesindaco Armando Neri e l’ex assessore regionale Demetrio Naccari non sono indagati. 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x