Ultimo aggiornamento alle 19:11
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’udienza

“Sistema Rende”, molte intercettazioni resteranno fuori dal processo

Il cd contenente le captazioni «non si trova». L’accusa non potrà utilizzarle nel processo su presunti intrecci tra politici rendesi e clan

Pubblicato il: 30/06/2021 – 16:14
“Sistema Rende”, molte intercettazioni resteranno fuori dal processo

COSENZA Il cd contenente alcune importanti intercettazioni non si trova e le captazioni contenute nel dispositivo informatico non saranno utilizzabili nel procedimento. E’ questa la notizia più rilevante giunta al termine dell’odierna udienza in corso dinanzi al Tribunale di Cosenza e legata al processo scaturito dall’inchiesta “Sistema Rende”. Che mira a far luce su presunti intrecci tra alcuni politici ed esponenti del clan Lanzino-Ruà e che vede tra gli imputati l’ex sindaco rendese Sandro Principe (difeso dai legali Franco Sammarco, Paolo Sammarco e Anna Spada), Umberto Bernaudo (difeso dall’avvocato Francesco Calabrò) e ancora Pietro Paolo Ruffolo (difeso dagli avvocati Franz Caruso e Francesco Tenuta) e Giuseppe Gagliardi (difeso dall’avvocato Marco Amantea).

Il supporto informatico “smarrito”

Il pm Bruni, oggi procuratore capo a Paola ma all’epoca pubblico ministero della Dda di Catanzaro che firmò l’inchiesta, ha richiesto di poter acquisire il brogliaccio relativo alle intercettazioni andate disperse e non riportate su supporto informatico. Il «cd contenente le intercettazioni non è stato rinvenuto», ma per il pm si tratterebbe «di un ostacolo superabile, producendo nella successiva udienza la trascrizione della pg su supporto cartaceo». A supporto della richiesta, Bruni ha anche prodotto due sentenze della Corte di Cassazione. I legali difensori degli imputati si sono fermamente opposti alla richiesta del pm, sostenendo che in assenza della bobina non è dato procedere alla verifica della correttezza del contenuto della conversazione. Il collegio giudicante (Giudice Stefania Antico, a latere Urania Granata e Iole Vigna) ha rigettato la richiesta avanzata da Bruni e dunque alcune delle captazioni dei testimoni non saranno ammissibili e nel procedimento non potranno essere utilizzate come prove a sostegno della tesi dell’accusa.

L’escussione dei testimoni

Nella precedente udienza, il pm Bruni aveva richiesto – invocando l’articolo 500 comma 4 di procedura penale – di poter acquisire i verbali resi da Aldo Vercillo, Ernesto Lupinacci, Carmine Delle Donne, Maurizio Aiello, Fabio Urso, Giacomo Vercillo, Francesco Raimondi, Eugenio Sottile, Giuseppe Bertucci e Francesco D’Ambrosio. E quello del pentito Giuseppe Zaffonte, ex rapinatore di Rende, già coinvolto nell’operazione “Factotum” e ritenuto vicino al clan Lanzino-Ruà. Il collegio giudicante ha disposto l’acquisizione con il consenso delle parti e acconsentito all’escussione del testimone che sarà sentito nella prossima udienza prevista il 29 settembre 2021.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x