Ultimo aggiornamento alle 16:40
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

verso le regionali

Tornano i dubbi sulla data del voto. E le coalizioni restano agitate

Fissazione della scadenza elettorale ancora incerta. Nel centrodestra Meloni tiene il punto, FdI sempre sull’Aventino. Nel centrosinistra incognite Oliverio e Italia Viva

Pubblicato il: 27/07/2021 – 15:15
Tornano i dubbi sulla data del voto. E le coalizioni restano agitate

CATANZARO Fluido e ancora piuttosto confuso. Il quadro politico calabrese in vista delle Regionali è ancora pieno di parecchie X, di molte questioni aperte che impediscono di cristallizzare certezze e ufficialità. A rendere la situazione molto magmatica, tra l’altro, c’è l’ennesima ridda di ipotesi sulla data del voto, che per decreto nazionale deve ricadere nel range tra il 15 settembre e il 15 ottobre ma che è di nuovo un’incognita. Per come anticipato dal Corriere della Calabria, filtra la bozza di un nuovo decreto che fisserebbe le Regionali al 26 settembre, mentre c’è oggi anche chi ipotizza il 3 ottobre, per non dimenticare quanti, da settimane, hanno già cerchiato in rosso la data del 10 ottobre. Quello dei giorni in cui si voterà non è comunque un dettaglio da poco, per determinare le strategie dei partiti e delle coalizioni e per definire liste e candidati. Al momento, comunque, in campo ci sono tre schieramenti, due dei quali, quelli classici, alle prese con parecchie fibrillazioni.

Fratelli d’Italia sempre sull’Aventino del centrodestra

Fibrillazioni soprattutto nel campo del centrodestra, che sembrava veleggiare spedito dopo il rutilante ok al ticket forzista-leghista Roberto Occhiuto presidente-Nino Spirlì vicepresidente, ticket benedetto da tutti i big dello schieramento ma che ora è di nuovo sulle montagne russe dopo lo strappo della leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni sulla Rai, con contestuale messa in discussione dell’intesa calabra. Forza Italia e Lega, anche ai massimi livelli, hanno blindato e continuano a blindare il ticket ma da Fratelli d’Italia non arrivano segnali di distensione. Nessuna dichiarazione ufficiale, nemmeno dai vertici meloniani del partito calabrese, ma il messaggio che filtra è secco ed eloquente: «Non ci sono novità, la Meloni resta ancora sulla sua posizione, dalla quale si muoverà solo se ci saranno novità legate alla Vigilanza Rai», si fa intendere da ambienti di Fratelli d’Italia in Calabria, gli stessi che ricordano inoltre che nel caso c’è sempre pronta la carta di Wanda Ferro da lanciare in pista alle Regionali, come del resto si è potuto capire dal tenore, molto esplicito, di un recente intervento alla Camera dal capogruppo di FdI Francesco Lollobrigida.

Centrosinistra: incognita Oliverio, movimenti in Iv

Ma fibrillazioni si registrano anche nel campo del centrosinistra. Secondo quanto si apprende da fonti dem, la coalizione che sostiene la candidatura di Amalia Bruni alla presidenza della Regione Calabria starebbe lavorando alla costruzione di un range di liste ricomprese tra le 7 e le 10, ma francamente la prospettiva appare un tantino ottimistica. In casa Pd filtra qualche mugugno sulla composizione dell’ufficio di segreteria da parte del commissario regionale Stefano Graziano, anche se le presenze nell’organismo, rappresentativo di tutte le componenti del Pd, danno l’idea di un ulteriore sforzo unitario per “imbullonare” il partito in vista della campagna elettorale prima e (soprattutto) della stagione congressuale dopo le Regionali. Dal Pd poi si sottolinea che si lavora già a due appuntamenti importanti, il ripristino della Festa regionale dell’Unità e l’Assemblea delle idee, nel cui ambito ai circoli dem è stato assegnato un mese di tempo per raccogliere idee e proposte da indirizzare alla Bruni. Resta ancora, nel campo dei democrat, l’incognita Mario Oliverio, che ambienti del Pd dicono si starebbe orientando verso de Magistris, con il quale sarebbero già traghettati alcuni esponenti politici ritenuti vicini all’ex governatore (tra questi però non ci sarebbe Giuseppe Aieta, che sempre secondo fonti dem è sempre più prossimo a rientrare nel solco ufficiale del partito). Ma Oliverio in realtà si mantiene sempre (e abilmente) molto vago sulle sue intenzioni, continuando tuttavia a marcare il territorio (oggi è annunciato a Reggio Calabria per un’altra presentazione del libro che su di lui ha scritto Michele Drosi). Così come restano ancora da capire i movimenti di Italia Viva, nella quale però nelle ultime ore si è registrata una novità di rilievo: l’assemblea provinciale dei renziani di Cosenza infatti ha chiaramente ribadito la collocazione nel centrosinistra e ha detto no all’ipotesi di un avvicinamento al centrodestra che invece, nei giorni scorsi, alcune dichiarazioni del senatore e leader regionale di Iv Ernesto Magorno avevano fatto intendere quantomeno probabile. (a. cant.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb