Ultimo aggiornamento alle 13:43
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il sopralluogo

La ‘ndrangheta dietro al delitto Lazzaro a Sorianello. Nuovi rilievi dei carabinieri – VIDEO

Su delega della Dda i Ris di Messina, insieme ai colleghi di Vibo e Serra, hanno effettuato sopralluoghi nelle abitazioni di due indagati

Pubblicato il: 18/08/2021 – 12:45
di Giorgio Curcio
La ‘ndrangheta dietro al delitto Lazzaro a Sorianello. Nuovi rilievi dei carabinieri – VIDEO

VIBO VALENTIA Potrebbero aprirsi nuovi scenari sull’omicidio di Bruno Lazzaro, il 27enne ucciso la sera del 4 marzo del 2018 a Sorianello, nel Vibonese. Ipotesi che potrebbero ricondurre e circoscrivere il caso in uno scenario riconducibile alla ‘ndrangheta. 

I nuovi rilievi dei carabinieri

Questa mattina, infatti, su delega della Dda di Catanzaro che sta svolgendo ulteriori indagini, sono stati effettuati alcuni sopralluoghi dalla squadra rilievi del Ris di Messina, insieme ai Carabinieri del nucleo investigativo del Comando provinciale di Vibo e i colleghi della Compagnia di Serra San Bruno, guidati dal tenente Giuseppe Murè. Diversi i nominativi al vaglio dei militari, ma i rilievi in particolare sono stati effettuati nelle abitazioni di due persone indagate. 

ris soriano lazzaro

Già condannato il cugino

Intanto per l’omicidio di Lazzaro è già stato condannato il cugino, Gaetano Muller, che avrebbe ucciso Lazzaro dopo un diverbio scoppiato tra i due per motivi legati alla gelosia. La vittima, infatti, aveva iniziato una relazione sentimentale con la ex fidanzata del cugino. Proprio l’anno scorso la Corte d’Appello di Catanzaro ha ridotto la sua condanna a 16 anni mentre il pm aveva chiesto la conferma della condanna a 30 anni inflitta in primo grado. In udienza, infatti, l’avvocato Giuseppe Di Renzo, aveva chiesto il riconoscimento delle attenuanti generiche sulle contestate aggravanti facendo leva sulla confessione del proprio cliente e sul fatto che questi sia stato aggredito dal congiunto dal quale ha dovuto difendersi. In più ha insistito sull’esigenza di una derubricazione del reato, da omicidio volontario a preterintenzionale. (redazione@corrierecal.it)

I rilievi dei Ris:

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x