Ultimo aggiornamento alle 15:46
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

la richiesta

Concorso Ospedale Polistena, Uil: «Tra i candidati anche il presidente della Commissione esaminatrice»

Il sindacato presenta un esposto alla Procura e al commissario ad acta per «la sospensione del bando a causa di una procedura selettiva illegittima»

Pubblicato il: 10/09/2021 – 10:50
Concorso Ospedale Polistena, Uil: «Tra i candidati anche il presidente della Commissione esaminatrice»

REGGIO CALABRIA La segreteria provinciale del sindacato Uil di Reggio Calabria contesta la procedura di selezione adottata nel bando per l’assegnazione dell’incarico di Direttore Terapia Intensiva Ospedale di Polistena e Suem 118. «Al suddetto avviso oltre agli altri candidati – si legge nell’esposto – compare il nominativo del dottor Minniti Domenico, attuale direttore sanitario dell’Asp di Reggio Calabria, risultato ammesso all’Avviso pubblico, appare fin del tutto chiaro il conflitto di interessi insorgente in capo a Minniti Domenico, attuale direttore sanitario dell’Asp e presidente di diritto della nominata Commissione esaminatrice del concorso indetto (vedi delibera n 145/ 19)». La Uil, dunque, in un esposto chiede al Procuratore della Repubblica di «voler disporre l’immediata sospensione e il contestuale annullamento dell’Avviso n. 779 adottato il 12 agosto 2021 per illegittimità degli atti descritti, per i quali è stata indetta una procedura di selezione per il conferimento di incarico di direzione di struttura complessa illegale e l’avvio di opportuna indagine giudiziaria al fine di verificare la commissione di eventuali reati individuabili in abuso d’ufficio, conflitto di interessi, falso in atto pubblico ed ulteriori reati eventualmente riscontrabili nella richiamata procedura selettiva, con l’individuazione delle responsabilità penali insorgenti in capo a chi ha avuto ruolo nella suddetta procedura».

Le motivazioni dell’esposto secondo il sindacato:

«Risultano giacenti presso gli Uffici competenti dell’Asp – si legge nella missiva del sindacato – innumerevoli avvisi pubblici per il conferimento di incarico di Strutture Complesse, Strutture Semplici Dipartimentali, Semplici, di Alta Professionalità, oltre che per il conferimento di incarichi di sostituzione di direzione delle strutture complesse. I suddetti incarichi di sostituzione dei direttori in quiescenza o assenti per altro incarico, sono da conferire, ai sensi dell’art. 22 del Ccnl della dirigenza medica e veterinaria, con procedura preliminare rispetto agli avvisi pubblici che, ai sensi del decreto 484/92, dispone l’avvio delle procedure autorizzative e di pubblicazione dei concorsi per strutture complesse, di cui ancora non si conoscono gli esiti procedurali e attendono da tempo di essere assegnati. Una moltitudine di dirigenti medici svolge da tempo, in attesa del conferimento dell’incarico ufficiale, la funzione di direzione di strutture complesse, semplici o semplici dipartimentali senza alcuna formale autorizzazione e senza alcun riconoscimento giuridico ed economico legato alle funzioni svolte, che continuano a procurare nel contempo: a) un indebito arricchimento dell’Azienda dal momento che continua a non riconoscerne formalmente le funzioni di fatto svolte; b) un possibile contenzioso che se vedesse soccombere giudizialmente l’Asp determinerebbe un gravoso danno erariale che andrebbe ad aggiungersi alla grave crisi finanziaria che attanaglia l’Asp di Reggio Calabria».

«Verificare l’idoneità dei concorrenti»

«In data 12.08.2021 con deliberazione n. 779 il Commissario straordinario dell’Asp di Reggio Calabria, Gianluigi Scaffidi, ha deliberato l’ammissione dei concorrenti ad un “Avviso pubblico adottato in esecuzione della delibera n. 808 del 23.10.2020 per soli titoli e colloquio per il conferimento di incarico quinquennale di direttore di struttura complessa della disciplina di Terapia intensiva – Area Medicina Diagnostica e dei Servizi, ai sensi del DPR n. 484/97 e del D.Lgs n. 502/92 e s.m.i. per il P.O. Spoke di Polistena. La disciplina vigente in merito agli incarichi di struttura complessa dispone l’indizione e pubblicazione secondo le vie ordinarie del concorso per struttura complessa attraverso apposita procedura selettiva e con la definizione dei criteri di valutazione dei curricula per la determinazione dell’idoneità dei concorrenti all’incarico (vedi art. 8 Dpr484/97), ampiamente disattesa dalla delibera adottata in merito. La deliberazione n. 779/2021 fa riferimento alla deliberazione n.145 del 5 marzo 2019 recante in oggetto “Avviso pubblico per titoli ed esami per il conferimento di incarico quinquennale di Direttore della Struttura Complessa Suem 118 Asp” indetto da direttore generale f.f. dell’epoca successivamente revocato dall’incarico per inammissibilità, inconferibilità, incompatibilità e senza titolo alcuno ad assumere incarico di direttore generale dell’Asp di Reggio Calabria. Al suddetto avviso oltre agli altri candidati compare il nominativo del dottor Minniti Domenico, attuale direttore sanitario dell’Asp di Reggio Calabria, risultato ammesso all’Avviso pubblico, appare fin del tutto chiaro il conflitto di interessi insorgente in capo a Minniti Domenico, attuale direttore sanitario dell’Asp e presidente di diritto della nominata Commissione esaminatrice del concorso indetto (vedi delibera n 145/ 19 ); facilmente è possibile individuare già con largo anticipo il nominativo del futuro, probabile vincitore del concorso».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x