Ultimo aggiornamento alle 12:57
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la ripresa

Cosenza, le proposte dei sindacati per scongiurare una “nuova” crisi

L’incontro nella sede di Confindustria. Cgil, Cisl e Uil: «Nessuno può permettersi nuove fermate a causa dei contagi»

Pubblicato il: 10/09/2021 – 12:07
Cosenza, le proposte dei sindacati per scongiurare una “nuova” crisi

COSENZA «Nessuno può permettersi il lusso di nuove fermate a causa di un aumento dei contagi. La nuova e possibile ondata finirebbe per soffocare sul nascere il tentativo di ripresa che vede l’Italia tra i Paesi con le migliori performance». E’ questo il messaggio lanciato da Cgil, Cisl e Uil dalla sede di Confindustria Cosenza. L’incontro odierno è stata l’occasione per ribadire l’importanza del rafforzamento della campagna di vaccinazione per mitigare il rischio contagio ed evitare nuove misure da parte del governo. L’iniziativa è un vero e proprio appello alle lavoratrici e lavoratori calabresi per sostenere la campagna di vaccinazione in una terra, quella calabrese, dove il 60% circa della popolazione ha completato il ciclo vaccinale. Ad oggi, però il 18% degli over 50 è senza alcuna dose di vaccino contro un dato nazionale che si attesta al 13%.

Il pericolo da scongiurare

«Una nuova forte accelerazione della ripresa dei contagi è da scongiurare», ribadiscono Fortunato Amarelli, presidente di Confindustria Cosenza, Umberto Calabrone della Cgil Cosenza, Giuseppe Lavia della Cisl Cosenza, Roberto Castagna della Uil e Giuseppe Guido della Cgil Pollino Sibaritide. «Dalla nostra parte – continuano i protagonisti della conferenza stampa – profonderemo ogni sforzo per contribuire a raggiungere questi obiettivi di sviluppo anche attraverso la formulazione di una serie di proposte e misure concrete da sottoporre alle principali amministrazioni pubbliche ed agli enti preposti del territorio della provincia di Cosenza». «Per garantire omogeneità e più immediata fattibilità, le stesse saranno riconducibili alle 6 aree di intervento del PNRR (Transizione verde, Trasformazione digitale, Crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, Coesione sociale e territoriale, Salute e resilienza economica, sociale e istituzionale, Politiche per le nuove generazioni, l’infanzia e i giovani) che, in uno con i fondi POR e le ulteriori risorse ordinarie, rappresentano una grande occasione per colmare i deficit territoriali. Il focus riguarderà gli ambiti della digitalizzazione, dell’innovazione, della competitività, della cultura e del turismo; quello afferente la rivoluzione verde e la transizione ecologica, la materia delle infrastrutture per una mobilità sostenibile; l’inclusione sociale; la sanità». «La sfida riguarda tutti: forze politiche, sociali e culturali. I deficit strutturali della provincia di Cosenza si curano con la creazione di occasioni di lavoro, con il sostegno al tessuto produttivo, con un recupero di visione ed efficacia delle politiche da mettere in atto e di efficienza della macchina amministrativa e burocratica. Ci aspettano mesi decisivi perché sono in gioco la salute e la qualità della vita di ciascuno come precondizione per un utilizzo pieno delle risorse che saranno rese disponibili dai citati piani europei determinanti a dare qualità, durata e spinta alla ripresa auspicata e mai come questa volta veramente a portata di mano». (f.b.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb