Ultimo aggiornamento alle 15:25
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

l’incontro

Sbarra: «Tavolo di confronto subito dopo le Regionali»

Il leader della Cisl commenta l’andamento della campagna elettorale: «Bene i programmi ma poi servono i fatti»

Pubblicato il: 25/09/2021 – 13:35
Sbarra: «Tavolo di confronto subito dopo le Regionali»

GIZZERIA «I programmi indicano un grande obiettivo, che è quello della crescita e dello sviluppo, di una forte iniziativa per il lavoro e il contrasto al precariato nella nostra regione. Ovviamente, come sempre, alle dichiarazioni bisogna passare ai fatti». Lo ha detto il segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, parlando con i giornalisti a Gizzeria, dove ha concluso la scuola di formazione della categoria Fisascat. «Noi abbiamo posto con forza – ha ricordato Sbarra – la necessità di cogliere questa straordinaria opportunità che si apre nel Paese, nel Sud e anche e per la Calabria, dell’utilizzazione delle tante risorse dell’Unione europea: dobbiamo concentrare interventi e investimenti sull’innovazione, sulla digitalizzazione, sulla transizione verde e ambientale, dobbiamo fare politiche di vera inclusione sociale, mettendo in cima ai temi della Calabria le grandi questioni storiche, grandi investimenti nelle infrastrutture, nella logistica, messa in sicurezza del territorio, affrontare ili tema annoso di un sistema sanitario che non assicura cura e assistenza dalle persone. E poi – ha sostenuto il leader della Cisl – fare una battaglia fortissima per creare le condizioni del rilancio del lavoro e dell’occupazione e frenare questi fortissimi processi di mobilità che ogni anno vedono centinaia di migliaio di giovani e di donne lasciare la Calabria e le regioni del Sud. Seguiremo con attenzione l’evoluzione degli impegni che la politica e i candidati governatori hanno assunto nella campagna elettorale, nella prospettiva – ha concluso Sbarra – di chiedere subito un tavolo di confronto perché insieme è possibile riprendere la via della crescita, dello sviluppo, dalla qualità e della stabilità del lavoro della stabilizzazione del precariato storico che da lungo tempo chiede certezze».

«Reddito di cittadinanza ha fallito sul lavoro»

«Noi consideriamo il reddito di cittadinanza uno strumento, una misura utile che va confermata come azione di contrasto alla povertà, ma va decisamente cambiata perché ha deluso e ha fallito sui temi del lavoro». A dirlo è stato il segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, parlando con i giornalisti a margine di un’iniziativa della categoria Fisascat a Gizzeria. «Noi – ha poi osservato Sbarra – dobbiamo fare un grande investimento sulle politiche attive per il lavoro, sulla riforma degli ammortizzatori sociali, un grande piano nazionale sulla formazione e la crescita delle competenze. E poi bisogna affermare un principio: il lavoro, prima di essere redistribuito, va creato e il lavoro vero – ha rilevato il leader della Cisl – arriva se ripartono gli investimenti pubblici e privati, soprattutto nel Mezzogiorno». 

«Ora un nuovo Patto per l’Italia»

Per il segretario «è maturo oggi nel nostro Paese il tempo per negoziare un nuovo e moderno patto sociale per la crescita e lo sviluppo». Secondo Sbarra, «dopo l’anno della pandemia che ha determinato la perdita di un milione di posti di lavoro, soprattutto nella componente giovanile e femminile, comincia a esseri un leggero recupero, stiamo recuperando tanti posti di lavoro anche se a tempo determinato o stagionale. Continuano a mancarne all’appello mezzo milione rispetto a tutto quello che abbiamo perso nel 2020, per questo – ha sostenuto il leader della Cisl – la nostra richiesta al governo e’ di aprire subito un tavolo di confronto e di concertazione per rimettere in moto le dinamiche di crescita e di sviluppo, per cominciare a utilizzare le risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza, per affrontare il tema delle grandi riforme, da quella fiscale al tema delle pensioni, alla riforma degli ammortizzatori sociali, delle politiche attive. Noi – ha concluso Sbarra – pensiamo che sia maturo oggi nel nostro Paese il tempo per negoziare un nuovo e moderno patto sociale per la crescita e lo sviluppo, il lavoro, il Mezzogiorno, che aiuti i grandi soggetti collettivi, il governo e le forze politiche a lavorare insieme per sostener la ripartenza del Paese».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb