Ultimo aggiornamento alle 16:17
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

new entry

È del M5S l’unico crotonese eletto a Palazzo Campanella

Afflitto è il più votato tra i pentastellati con quasi 1.900 voti. Esclusa Sculco nonostante le 6.400 preferenze. Flop per il sindaco Voce

Pubblicato il: 05/10/2021 – 11:32
È del M5S l’unico crotonese eletto a Palazzo Campanella

CROTONE Il pentastellato Francesco Afflitto è l’unico rappresentante della provincia di Crotone ad essere stato eletto nel nuovo consiglio regionale della Calabria. Il seggio è stato assegnato al Movimento 5 stelle che, nella circoscrizione centro, ha ottenuto il 7,08%. Nella sua lista Afflitto risulta il più votato con 1.897 voti.
L’elezione del rappresentante pentastellato, originario di Cirò Marina, non è l’unica novità uscita dalle urne.

L’area Sculco fuori dal Consiglio

Il dato più eclatante è la bocciatura di Flora Sculco. Il suo terzo tentativo, nonostante i suoi 6.440 voti di preferenza, è andato a vuoto. Era stata eletta per la prima volta con il centrosinistra (Calabria in rete), che sosteneva l’ex presidente Mario Oliverio e la seconda volta, sempre con il centrosinistra, nella lisa dei Democratici e progressisti, che sosteneva Filippo Callipo. Il terzo tentativo, quello con l’Udc nel centrodestra, le è stato fatale. Il passaggio da uno schieramento all’altro non le ha giovato. La mancata elezione della Sculco interrompe la presenza nel consiglio regionale della Calabria dell’area politica ideata dal padre, Enzo Sculco. Fu proprio Enzo Sculco a iniziare il lungo percorso all’interno della massima assise calabrese superando la prova elettorale al tempo di Agazio Loiero. Sculco uscì di scena dopo la sua condanna, passata in giudicato, per reati commessi quando era presidente della Provincia di Crotone. Il pm titolare del procedimento era Pierpaolo Bruni, attuale Procuratore della Repubblica a Paola. Dopo la sua uscita di scena, Sculco non si arrese e partecipò alla campagna elettorale con il movimento dei DemoKratici appoggiando il rappresentante del centrodestra Peppe Scopelliti. Il candidato del suo movimento era Franco Pugliano che fu eletto e nominato anche assessore regionale all’Ambiente. Sei anni fa mise da parte Pugliano per puntare sulla figlia Flora, la cui non elezione potrebbe rappresentare la fine di un’epoca.

La sconfitta del sindaco Voce

L’altro dato che emerge dal voto del 3 e 4 ottobre scorsi è la batosta subita dalla candidata di Tesoro Calabria, Mimma Scida. Una batosta da attribuire soprattutto al sindaco di Crotone, Vincenzo Voce, che ha voluto la sua candidatura. Scida, nella città pitagorica, ha ottenuto solo 688 voti di preferenza. Sembrano secoli, ma è passato solo un anno, da quando Tesoro Calabria era il partito più votato di Crotone. Voce dovrà, quindi, porre molta attenzione su come gestire il dopo voto, se non evitare di incorrere in qualche vendetta proveniente da “fuoco amico”. Il suo percorso amministrativo, già in salita, con il risultato del voto si complica ulteriormente.

Forza Italia primo partito a Crotone

Il primo partito in città (15%) e in provincia (14,39%) diventa Forza Italia, seguito dall’Udc (12,24% in città e il 12,51% in provincia). Crolla la Lega e viene ridimensionato il Pd, che alle elezioni regionali del 2020 era il primo partito in provincia e ora è terzo con l’11,12%. 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x