Ultimo aggiornamento alle 23:03
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

quote rosa

Tra new entry e “dynasty”, mai una Regione così rosa: in Consiglio entrano sei donne

Record di presenze femminili: la Bruni è l’unica del centrosinistra. Parente la più votata in provincia di Catanzaro e nel capoluogo

Pubblicato il: 05/10/2021 – 12:34
Tra new entry e “dynasty”, mai una Regione così rosa: in Consiglio entrano sei donne

CATANZARO Non c’è mai stata una Regione così rosa. Per la prima volta nella storia in Calabria saranno sei le donne a sedere tra i banchi del Consiglio regionale nella prossima legislatura. È quanto emerge dall’analisi dei dati elettorali del ministero dell’Interno sulle Regionali di domenica e di lunedì. La presenza di sei donne, cinque delle quali esponenti della coalizione vincente di centrodestra, è un dato effettivamente record, sul quale ha sicuramente influito, anche se probabilmente non è stato decisiva, la nuova norma sulla doppia preferenza di genere approvata dal Consiglio regionale lo scorso novembre, qualche settimana dopo la scomparsa della governatrice Jole Santelli, prima presidente donna nella storia della Regione Calabria. A Palazzo Campanella approdano dunque la candidata del centrosinistra alla presidenze a della Regione Calabria, Amalia Bruni, e poi Katya Gentile, eletta con Forza Italia nella circoscrizione nord (8.091 preferenze, la più votata in rosa), Pasqualina Straface, l’ex sindaco di Corigliano al tempo dello scioglimento dell’amministrazione comunale per infiltrazioni mafiose, eletta sempre con Forza Italia nella circoscrizione nord (6.520 preferenze), Simona Loizzo, eletta con la Lega nella circoscrizione nord (5.360 preferenze), Luciana De Francesco, eletta con Fratelli d’Italia sempre nella circoscrizione nord (4.564 preferenze) e infine Valeria Fedele, direttore generale della Provincia di Catanzaro, eletta con Forza Italia nella circoscrizione centro (7.962 preferenze).
Com’è intuibile, nel novero delle new entry al femminile non mancano casi di “rientri” in Consiglio regionale di vere e proprie “dinastie” della politica calabrese: Katya Gentile è la figlia di Pino, il “veterano” del Consiglio regionale, mentre la De Francesco è la moglie dell’ex consigliere regionale Luca Morrone (a sua volta figlio dell’ex consigliere Ennio). Non ce l’hanno fatta invece a confermarsi la capogruppo della Lega nella passata legislatura, Tilde Minasi, e Flora Sculco, candidata con l’Udc nella circoscrizione centrale.

Parente la più votata in provincia di Catanzaro e nel capoluogo

FORZA ITALIA | Silvia Parente

Nel complesso, comunque, le Regionali del 2021 sotto questo punto di vista possono essere considerate uno spartiacque nella storia calabrese, lanciando il messaggio di un nuovo protagonismo delle donne: del resto, a parte le elette, sono tante le donne che hanno comunque riportato notevoli risultati, come Silvia Parente, la più votata della lista di Forza Italia in provincia e in città di Catanzaro (per lei 4.674 preferenze complessive, di cui 1.877 nel capoluogo).

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x