Ultimo aggiornamento alle 10:30
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 5 minuti
Cambia colore:
 

l’analisi

«Pnrr, qui si fa la Calabria o si muore»

L’attuazione del PNRR rappresenterà un difficile banco di prova per Regioni ed enti locali. Un compito arduo, da svolgere senza i dovuti “allenamenti” preparatori degli eventi, che imporrà certame…

Pubblicato il: 27/10/2021 – 13:39
di Ettore Jorio*
«Pnrr, qui si fa la Calabria o si muore»

L’attuazione del PNRR rappresenterà un difficile banco di prova per Regioni ed enti locali. Un compito arduo, da svolgere senza i dovuti “allenamenti” preparatori degli eventi, che imporrà certamente la rivisitazione delle loro strutture organizzative, sia delle giunte che dei consigli, e di conseguenza la previsione e l’individuazione di dirigenti organici veramente all’altezza dei loro specifici incarichi.
Ciò in quanto, per come organizzato il relativo reclutamento, la selezione dei cosiddetti 1000 esperti – da perfezionare tempestivamente con la successiva contrattualizzazione utilizzando le risorse europee rese disponibili dal rispettivo riparto ad hoc da dedicare all’acquisizione di supporti professionali ai procedimenti amministrativi connessi all’attuazione del PNRR (art. 9, comma 1, D.L. 80/2021) – non ha affatto entusiasmato per metodo e tempistica. Un provvidenziale aiuto, attribuito per assicurare il buon fine alla gestione delle procedure più complesse, prioritariamente quelle afferenti agli appalti, all’ambiente e digitalizzazione, sulla cui utilità c’è, francamente, da nutrire qualche dubbio sul risultato atteso, considerata la procedura selettiva utilizzata per contribuire alla formazione di una governance di tutto rispetto. Al riguardo, sarebbe forse occorsa una maggiore previdenza dal parte del Governo, intanto nell’iniziare prima e non aspettare i primi di ottobre, nel definire un percorso di selezione vero e proprio seguito da una alta formazione dedicata ai selezionati. Ciò soprattutto in considerazione che le amministrazioni territoriali interessate si renderanno beneficiarie reali delle facilitazioni economiche solo e soltanto a seguito di corretta attuazione e applicazione, rispettivamente, dei prodotti amministrativi e delle procedure realizzative, quindi dei risultati conseguiti, finanziati secondo la metodologia degli stati di avanzamento.
Quanto fatto sino ad oggi, oltre che essere dimostrativo di una più generale sottovalutazione degli adempimenti del sistema autonomistico territoriale, fornisce la prova di una inadeguatezza organizzativa che potrebbe rendersi causa del mancato godimento delle risorse del Recovery Fund. Un’ipotesi disastrosa, quella di ritornare i quattrini alla mittente UE, che impedirebbe al Paese quella trasformazione pretesa a livello unionale senza la quale il futuro del Paese sarebbe davvero difficile da affrontare.
Il tempo sprecato è stato tanto – nell’individuare percorsi, target-obiettivi, procedure finanziarie e contabili, selezione delle risorse professionali indispensabili per la «Next Generation Italia» (Pnrr) – occorre quindi guadagnarlo subito e bene. Non correndo, ma attraverso comportamenti amministrativi e scelte ragionate. Le Regioni, soprattutto, dovranno agire come mai, perché chiamate a svolgere il ruolo di HUB delle task force dedicate alla semplificazione delle procedure che dovranno essere affrontate anche dal sistema degli enti locali.
La rideterminazione delle loro strutture organizzative dovrà rappresentare il momento nel quale si deciderà la partita da giocare. Il dilemma conseguente è rappresentato dall’allontanarsi dalle tradizionali previsioni e prioritariamente dalla scelta da effettuare di istituire un Dipartimento apposito che abbia, però, una ricaduta su tutti gli altri interessati al tema, con ovvia responsabilità di risultato della dirigenza impegnata in caso di colpe tanto gravi tali da determinare la perdita dei finanziamenti destinati all’ente medesimo. Insomma, viene offerta a Regioni ed EE.LL. una occasione più unica che rara, nei confronti della quale – per dirla alla Edoardo De Filippo – se si ha voglia di vincere alla lotteria occorre quantomeno acquistare un biglietto (san Gennaro, dixit).
D’altronde, l’esigenza di rivedere la struttura burocratica non è affatto trascurabile, dal momento che la sua sensibile rideterminazione dovrà misurarsi con la corretta attivazione delle procedure per un lasso di tempo certamente più lungo di una legislatura, quanto alle Regioni, e di una consiliatura, se riferita agli enti locali. Uno step ineludibile per raccordare al meglio la strategia del PNRR con le politiche territoriali di sviluppo, a partire da quelle di coesione e assistenza alla persona, ma soprattutto per spendere bene entro agosto 2026.

Dalle nostre parti

La Calabria? E’ messa peggio che altrove, a cominciare dalla programmazione e attuazione della Misura 6 (M6C1 Reti di prossimità, strutture e telemedicina per l’assistenza sanitaria territoriale) a fronte della quale sono stati stanziati, soltanto, 75 milioni per 50 Case di comunità e 38 milioni circa per 15 ospedali di prossimità/comunità. Non solo per la insufficienza delle cifre, bensì per l’inadeguatezza della struttura burocratica regionale, alla cui efficienza non contribuiranno, come si dovrebbe, i 41 degli anzidetti esperti/1000 Pnrr destinati a supportarla non appena contrattualizzati.
Sarà compito, quindi del nuovo presidente Occhiuto pretendere una sua profonda revisione della struttura esistente e segnatamente spropositata, tanto da renderla idonea al perseguimento e conseguimento del nobile scopo, vitale per la nostra regione.
Al riguardo, necessita che nel perfezionare la nuova struttura organizzativa eviti di concentrare in mega-dipartimenti tante competenze, soprattutto rappresentative, ma non utili a fare quanto è invece di stretta competenza regionale e di supporto al sistema degli enti locali per godere dei quattrini europei. Qui si fa la Calabria, o si muore!
Dunque, necessita uno sforzo elaborativo della macchina burocratica, proprio per questo supportata all’apice della piramide dai migliori dirigenti interni e da quelli rintracciabili sul mercato caratteristico, convincendoli a contribuire al salvataggio della Calabria.
Sono certo che, considerata la notevole esperienza politica del neoeletto Presidente, ci riuscirà.  

*Unical

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x