Ultimo aggiornamento alle 12:05
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

L’iniziativa

Sanità, Tavernise ad Occhiuto: «Riaprano il “Chidichimo” e il “Cosentino”»

Appello del capogruppo 5 Stelle in Consiglio al governatore per riattivare gli ospedali di Trebisacce e Cariati: «È tempo di riparare torti ingiusti»

Pubblicato il: 21/11/2021 – 11:34
Sanità, Tavernise ad Occhiuto: «Riaprano il “Chidichimo” e il “Cosentino”»

CORIGLIANO ROSSANO «La sanità della fascia ionica deve partire dalla riapertura degli ospedali “Chidichimo” di Trebisacce e “Vittorio Cosentino” di Cariati. Il Presidente Occhiuto ha avuto il pregio di restituire alla politica calabrese la gestione della sanità. Ora ha l’onere di cambiare le cose». È quanto afferma Davide Tavernise, capogruppo del M5S nel Consiglio regionale calabrese che ha visitato il punto di Primo Intervento di Trebisacce. Una visita che segue in ordine di tempo, la partecipazione al sit-in, organizzata da associazioni e cittadini per la riapertura dell’ospedale di Cariati.
«La sanità in Calabria – continua Tavernise – è stata gestita in modo maldestro e da incapaci patentati. Abbiamo strutture e macchinari che oggi vanno messi a regime e fatti funzionare, per restituire salute e dignità ad un territorio abbandonato, rivendicante assistenza sanitaria, degna delle persone umane. La ricetta è unica: assumere l’occorrente personale sanitario, in grado, tra le altre cose, di rispondere alle rinnovate esigenze dettate dal post Covid. È inaccettabile che il piano straordinario per l’assunzione di personale medico, sanitario e socio-sanitario sia fermo causa il redigendo Programma operativo 2022 -2023».
«Se fino a pochi mesi fa – prosegue Tavernise – sembravano un’enormità ventidue minuti, quale tempo medio da una chiamata di soccorso all’arrivo dell’ambulanza, oggi i fatti di cronaca ci restituiscono, in alcune parti della Calabria, tempi triplicati per un’ambulanza che arriva senza medico. Una circostanza, questa, gravissima e anticipata nel 2015, nella prima delle tre sentenze, che disponevano la riapertura dell’ospedale di Trebisacce, nel quale il Consiglio di Stato ha denunciato “il deficit strutturale delle reti di trasporto, nel territorio, l’orografia e i tempi necessari per arrivare agli ospedali vicini rendono impossibile un efficace trattamento di un’emergenza sanitaria partendo da Trebisacce o dai comuni del suo distretto”. Una situazione intollerabile, che Trebisacce condivide con Cariati, resa più critica dall’assenza del personale medico sui mezzi di soccorso, contribuendo a rendere la nostra regione insufficiente su tutti i livelli essenziali di assistenza. Sentenze, poi, quelle citate, in attesa, ancora, di una piena esecuzione».
«Gli ospedali di Trebisacce e Cariati – conclude Tavernise – unitamente a quelli di Corigliano Rossano, hanno rappresentato in passato il fiore all’occhiello della sanità ionica. È tempo di restituire ai cittadini calabresi salute e dignità. È tempo di riparare torti ingiusti. Che sia nel redigendo Programma operativo 2022-2023, o nell’assimilabile nuovo piano di rientro, più rispettoso dell’autonomia regionale, come specificato recentemente dalla Corte Costituzionale. Con l’auspicio che il nuovo Governatore si circonda di esperti».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x