Ultimo aggiornamento alle 9:35
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

emergenza covid

Occhiuto firma l’ordinanza: da domani in Calabria mascherine obbligatorie all’aperto

La misura sarà in vigore fino al 6 gennaio. Sono esentati gli under 12 anni. Il governatore: è necessario evitare il diffondersi del virus

Pubblicato il: 05/12/2021 – 0:34
Occhiuto firma l’ordinanza: da domani in Calabria mascherine obbligatorie all’aperto

CATANZARO «I contagi continuano a salire, e con loro una conseguente pressione sulla rete ospedaliera. Ci avviciniamo a grandi passi ai giorni di festa, e le nostre città saranno piene di calabresi, dapprima impegnati negli acquisti pre-natalizi, e subito dopo intenti a festeggiare il Natale e il Capodanno. Si moltiplicheranno, insomma, le occasioni di assembramenti, e il virus purtroppo in uno scenario di questo tipo potrebbe diffondersi con ancora più facilità». È su queste premesse che il presidente della Regione, Roberto Occhiuto ha fondato l’ordinanza numero 76 sottoscritta nella serata del 4 dicembre che impone «l’obbligo dell’uso di protezioni delle vie aeree in tutto il territorio regionale», nell’ambito delle misure per prevenire il contagio da Covid-19. Il provvedimento avrà efficacia dal 6 dicembre fino al 6 gennaio (compreso).

L’ordinanza numero 76

Nello specifico viene «disposto l’obbligo, su tutto il territorio regionale, di indossare correttamente la mascherina o altra idonea protezione a copertura di naso e bocca, oltre che in tutti i luoghi chiusi accessibili al pubblico e sui mezzi di trasporto pubblico, anche in tutti i luoghi all’aperto. Possono essere utilizzate mascherine di comunità, ovvero mascherine monouso o mascherine lavabili, anche autoprodotte, in materiali multistrato idonei a fornire una adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso». Dall’obbligo «i bambini sotto i dodici anni e i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina, ovvero i soggetti che interagiscono con i predetti, le persone durante l’esercizio in forma individuale di attività motoria e/o sportiva, le persone che consumano cibo e bevande, nei luoghi e negli orari in cui è consentito».
A tale obbligo viene accostata la raccomandazione di tenere salde le misure già fissate e in vigore, su tutte il distanziamento fisico. Per venire incontro alla nuova necessità, si legge, «il Dipartimento della Protezione Civile Regionale, procede al rafforzamento delle modalità di fornitura dei dispositivi di protezione delle vie aeree, affinché i Comuni, attraverso i Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende Sanitarie Provinciali, dispongano di adeguate forniture per gli scopi istituzionali». Alle autorità è demandata l’attività di controllo del rispetto dell’obbligo ed annessa applicazione delle eventuali sanzioni che – è ricordato – va da 400 a mille euro.

Isola Capo Rizzuto “zona arancione”

Nella serata il governatore aveva annunciato anche una seconda misura, specifica, relativa al comune di Isola Capo Rizzuto, interessato da un considerevole numero di contagi da Covid-19. «Sempre nelle ultime ore – era scritto sempre nella nota della Regione – il Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Crotone mi ha fatto pervenire una lettera formale con la quale chiede la possibilità di attivare la cosiddetta “zona arancione” per il Comune di Isola di Capo Rizzuto. Nella giornata odierna firmerò un’ordinanza per accogliere questa richiesta, e dunque il Comune in questione diverrà ‘zona arancione’ dal 6 dicembre e fino al prossimo 16 dicembre». E aggiunge: «Parallelamente a questa misura, già da stamattina ho inviato nel Comune crotonese gli uomini della struttura commissariale del generale Figliuolo, per accelerare in modo mirato la vaccinazione. Da domani, domenica 5 dicembre, verrà aperto, presso il centro anziani di Isola di Capo Rizzuto, sito in Piazza del Popolo, un centro di vaccinazione temporaneo gestito dal team mobile della Difesa, al quale si potrà accedere dalle ore 10 alle ore 19, senza bisogno di alcuna prenotazione. Correre sulle vaccinazioni è l’unica strada che abbiamo per combattere il Covid e salvaguardare così gli spazi di libertà conquistati con tanta fatica negli ultimi mesi».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb