Ultimo aggiornamento alle 12:05
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la vertenza

I precari della sanità tornano in piazza: mercoledì mobilitazione alla Cittadella regionale

L’annuncio del sindacato Usb per il quale in Calabria «non servono nuovi maxi aziende o super commissari»

Pubblicato il: 19/12/2021 – 12:15
I precari della sanità tornano in piazza: mercoledì mobilitazione alla Cittadella regionale

CATANZARO In vista una nuova mobilitazione dell’Usb per i precari della salabrese. «Precari Zero! È questo – scrive in una nota l’Usb – l’unico piano concreto per migliorare la condizione del sistema sanitario regionale. Stabilizzare tutti i lavoratori precari, scorrere le poche graduatorie in essere e avviare immediatamente nuovi concorsi. Non servono nuove maxi aziende, super commissari e manager venuti da fuori, per garantire ai calabresi il diritto alla salute. Servono infermieri, medici, tecnici, oss. Servono mezzi e risorse. Serve che chi lavora adesso negli ospedali possa continuare a farlo magari senza la spada di Damocle di un contratto continuamente in scadenza. Secondo i dati della Corte dei Conti sono quasi 1500 i nuovi precari assunti durante l’emergenza Covid dalla regione Calabria, a questi va aggiunto tutto il precariato storico presente prima della pandemia. Un vero e proprio esercito di invisibili che ha garantito e garantisce le cure ai Calabresi, un esercito invisibile che lavora nei reparti, sulle ambulanze negli ambulatori. Un esercito di precari che quotidianamente da risposte alle esigenze di cura dei calabresi sacrificandosi e pagando sulla propria pelle un sistema sanitario divorato da gli interessi della politica e dei privati. Un esercito di lavoratori ricattabili comodissimo durante le campagne elettorali per tutti quelli che promettono mari e monti quando è il momento di cercare voti. Ci chiediamo – prosegue l’Usb – dove sono finite le promesse fatte da Occhiuto durante l’ultima campagna elettorale, quando andava dicendo che avrebbe abolito il precariato nelle regione, che la sanità era il primo punto della sua agenda. Adesso che Occhiuto ha il potere di agire, sia come presidente che come commissario all’emergenza sanitaria, nulla si muove in questa direzione, se non una raffazzonata maxi azienda che non cambia nel concreto una situazione disastrosa». Secondo l’Usb «L’azienda zero è la risposta ad una domanda che nessuno ha fatto, mentre vengono puntualmente disattese le risposte alla domanda di salute dei calabresi e le richieste di un lavoro stabile da parte dei lavoratori. Per questo motivo saremo nuovamente nella piazza della Cittadella regionale il prossimo mercoledì 22 dicembre, e se non dovesse bastare anche il giorno seguente a Reggio Calabria in occasione della seduta del Consiglio regionale. Saremo li per rivendicare che il governatore mantenga le sue promesse prorogando immediatamente tutti i contratti precari e avviando subito un piano di stabilizzazione per tutto il personale precario. Come USB non ci fermeremo fino a quando tutti i lavoratori e tutti calabresi non avranno riconosciuto il diritto al lavoro e alla salute».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x