Ultimo aggiornamento alle 11:07
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il monitoraggio

Il Covid ai raggi X: in Calabria percentuale di “attualmente positivi” ancora superiore alla media nazionale

L’ultimo report settimanale della Regione registra dati contraddittori: -10% di riduzione del tasso di ospedalizzazione. L’86% dei ricoverati in terapia intensiva non è vaccinato

Pubblicato il: 05/02/2022 – 22:53
Il Covid ai raggi X: in Calabria percentuale di “attualmente positivi” ancora superiore alla media nazionale

CATANZARO « Dopo il consistente rallentamento dell’ascesa dei nuovi casi confermati partito a metà gennaio, si assiste, negli ultimi 7 giorni, ad un lieve rialzo del valore di tale indicatore». Lo rileva l’ultimo report del Settore 4 del Dipartimento Tutela della Salute della Regione Calabria: il documento, consultabile sul portale www.rocivd19.it, contiene l’analisi dei principali dati dell’epidemia in Calabria, riferiti all’ultima settimana di monitoraggio (aggiornata al 3 febbraio 2022). Il report evidenzia che «se da un lato la Calabria rimane tra le regioni che riducono la percentuale di posti letto ospedalieri Covid-19 occupati (-10% nelle ultime 2 settimane), dall’altro permane una percentuale di casi attualmente positivi, ancora superiore alla media nazionale. A ciò deve aggiungersi che, nel mese di gennaio 2022, in terapia intensiva, si è registrata una media giornaliera di circa 3 ingressi e di più di 2 decessi. I decessi avvenuti in terapia intensiva incidono, nel mese di gennaio 2022, per il 25% del totale». Il report inoltre rileva che «negli ultimi 7 giorni (dati al 2 febbraio 2022), prosegue per la Calabria la riduzione nel numero degli attuali ricoverati, che registra il -3,2% (tra le prime 8 delle 12 Regioni in decremento)». Secondo quanto riscontra il Settore 4 del Dipartimento regionale Salute «riguardo ai soggetti che attualmente si trovano in terapia intensiva Covid-19, alla data del 3 febbraio 2022, l’86% risulta non vaccinato o con ciclo vaccinale non completo (è stato considerato completo il ciclo con doppia dose o dose unica Johnson e, dal 1° febbraio tale condizione è considerata tale con avvenuta somministrazione di dose booster o doppia dose da meno di 6 mesi). In terapia intensiva, dal 1° agosto 2021 al 3 febbraio 2022, a fronte di 288 nuovi ingressi, si è registrato un totale di 190 decessi (26 decessi negli ultimi 7 giorni). Riguardo più in generale i decessi, nell’anno 2021 la media giornaliera è stata pari 3,1 casi/die (a gennaio 2021 era 3,9); nel mese di gennaio 2022, tale media è pari a 8,8 casi/die». Il report infine fa alcune avvertenze: «Anche se negli ultimi giorni sono state, da più fonti, prospettate situazioni di graduale e progressivo ritorno alla normalità, è comunque necessario – per prevenire le eventuali ulteriori evoluzioni delle varianti – proseguire nel mantenere alta l’attenzione e nel rispettare le misure di prevenzione e protezione, proprio in questa fase in cui sembra che la situazione possa tornare sotto controllo, ma che registra una circolazione del virus ancora considerevole e una mortalità elevata». (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x