Ultimo aggiornamento alle 15:09
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Caos sanità

Corigliano Rossano, chiude ai ricoveri l’unica terapia intensiva (ordinaria) del nord-est calabrese

Il direttore sanitario dello spoke ha inviato una lettera ai vertici sanitari. «Si sospende l’attività per carenza di personale»

Pubblicato il: 06/02/2022 – 15:12
Corigliano Rossano, chiude ai ricoveri l’unica terapia intensiva (ordinaria) del nord-est calabrese

CORIGLIANO ROSSANO Non passa ormai giorno che accada qualcosa per cui un sevizio, un reparto, si fermino per mancanza di personale. È accaduto al reparto Covid, molte volte ad uno dei due pronto soccorso dello spoke di Corigliano Rossano, così come in altre unità operative complesse o in vari servizi ambulatoriali.
Questa volta a chiudere battenti tocca all’unità operativa complessa di terapia intensiva. La direzione dello spoke ha inviato una lettera, al commissario straordinario dell’Asp di Cosenza, al responsabile del reparto di Anestesia e rianimazione, al responsabile della centrale operativa del 118, al direttore del Dipartimento di emergenza urgenza, con la quale dispone la sospensione dei ricoveri per mancanza di personale. Si tratta degli unici sei posti letto “salvavita” reperibili e disponibili per un bacino di 250mila abitanti.
«Considerata la dotazione organica di dirigenti medici in servizio presso la U.o.c. di Terapia intensiva, la forzata assenza di due unità mediche, ritenuto che la residuale presenza in servizio degli anestesisti non consente di assicurare compiutamente e in sicurezza l’assistenza a pazienti ricoverati in terapia intensiva, sentito e concordata col referente sanitario – scrive il direttore sanitario, Pierluigi Carino – si dispone la sospensione temporanea dell’attività di ricovero presso la U.o.c. di Terapia intensiva dello spoke di Corigliano Rossano». Una lettera preoccupante proprio in virtù dell’importanza del reparto.
Un reparto, quello di Anestesia e rianimazione, gestito da facenti funzione di dirigente. Un primario di ruolo – peraltro – non c’è da diversi anni. La sospensione dei ricoveri potrebbe creare notevoli disagi, considerato che il “Giannettasio” di Corigliano Rossano è l’unico ospedale vocato all’emergenza-urgenza sulla costa jonica da Crotone alla Basilicata. (lu.la.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x