Ultimo aggiornamento alle 17:01
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

ambiente

Occhiuto: «Da giugno mare più pulito del 40-50%. Gravi problemi a Paola e Fuscaldo»

Il presidente della Regione fa il punto sull’attività messa in campo sul Tirreno. «In alcune aree anche edifici pubblici non collettati»

Pubblicato il: 22/04/2022 – 13:27
Occhiuto: «Da giugno mare più pulito del 40-50%. Gravi problemi a Paola e Fuscaldo»

CATANZARO «Spero che da giugno cominceremo ad avere un mare più pulito laddove pulito non è stato mai». A margine del punto stampa sulla nomina del commissario della nuova Authority acqua-rifiuti, il presidente della Regione Roberto Occhiuto ha fatto anche il punto sulla depurazione. «Sono state già avviate tutte le procedure per lo smaltimento dei fanghi, a cura della Regione, nel tratto che va da Tortora a Nicotera, e quindi – ha esordito Occhiuto – si procederà nei prossimi giorni. Questo consentirà ai nostri depuratori, che ora hanno vasche interamente riempite di fanghi, di funzionare meglio. Abbiamo già progettato una pulitura straordinaria dei fiumi e dei fossi, che si farà a maggio, stiamo progettando anche degli interventi per ridurre l’inquinamento portato a mare dai torrenti. C’è molto da fare in prospettiva, perché vanno collettati tanti Comuni che non sono nemmeno collegati alla rete fognaria, però – ha sostenuto il governatore – stiamo facendo un grande intervento in emergenza, nel tratto più inquinato della nostra regione, quello da Tortora a Nicotera, per ridurre l’inquinamento del mare già dalla prossima estate. Io spero che si riuscirà così ad avere un mare almeno per il 40-50% più pulito. Ci sono alcune realtà come Paola e Fuscaldo dove ci sono problemi ancora più gravi, perché anche lì stiamo riscontrando forse anche edifici pubblici che non sono collettati e che provocano un inquinamento che non è arginabile nemmeno dal buon funzionamento dei depuratori. Devo dire che sono molto soddisfatto anche della collaborazione interistituzionale che si è prodotta su questo tema per iniziativa delle Procure della Repubblica, del Comando generale dei carabinieri. C’è grande attenzione da parte delle istituzioni sul problema della depurazione, e questo mi sembra già un buon punto di partenza. È positivo – ha concluso Occhiuto – che quest’anno la Regione e le altre istituzioni si siano occupate di questo problema già da novembre, negli altri anni ne parlavamo a giugno o luglio quando non si poteva fare più nulla. Spero che da giugno cominceremo ad avere un mare più pulito laddove pulito non è stato mai». (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x