Ultimo aggiornamento alle 22:53
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Il processo

Fratelli calabresi uccisi in Sardegna, chiesta la conferma della condanna a 20 anni

Invocata in Appello la condanna per Joselito e Michael Marras. Sono accusati dell’omicidio di Massimiliano e Davide Mirabello

Pubblicato il: 05/05/2022 – 20:17
Fratelli calabresi uccisi in Sardegna, chiesta la conferma della condanna a 20 anni

CAGLIARI La Procura generale di Cagliari ha chiesto la conferma della condanna a vent’anni di reclusione per Joselito e Michael Marras, padre e figlio di 53 e 28 anni, di Dolianova (Sud Sardegna) accusati del duplice omicidio degli allevatori calabresi, i fratelli Massimiliano e Davide Mirabello, di 35 e 40 anni, uccisi il 9 febbraio 2020 nelle
campagne di Dolianova.
Davanti alla Corte d’assise d’appello presieduta dal giudice Paolo Costa, il sostituto pg Michele Incani ha contestato il ricorso presentato dagli avvocati Patrizio Rovelli e Maria Grazia Monni, difensori dei due imputati che in primo grado – al termine del processo con rito abbreviato – erano stati condannati a 20 anni (30 meno la riduzione di un terzo).
Chiesta la conferma della condanna a 2 anni e 8 mesi anche per Stefano Mura, 43enne di Dolianova, accusato di favoreggiamento per un coltello ritrovato nei pressi del luogo del delitto.

La vicenda

Secondo l’accusa, dopo l’omicidio – collegato a minacce e tensioni di vicinato tra allevatori – Joselito e Michael Marras avrebbero gettato i corpi dei due fratelli nella macchia mediterranea, alla mercé di volpi e cinghiali. Erano stati trovati un mese più tardi, quando i carabinieri al termine delle indagini coordinate dal pm Gaetano Porcu avevano arrestato padre e figlio. A quel punto, il genitore aveva ammesso il duplice delitto, facendo trovare i corpi, ma scagionando completamente il figlio. Per il pg Incani, invece, anche il giovane avrebbe preso parte al duplice delitto. A lungo hanno arringato questa sera i difensori Maria Grazia Monni e Patrizio Rovelli che hanno ricorso contro la condanna di primo grado. Nella ricostruzione difensiva, Joselito Marras si sarebbe difeso con un fucile dall’aggressione con un coltello da parte dei due fratelli. Uno sarebbe stato raggiunto da una fucilata, l’altro ucciso con colpi di un oggetto contundente.
Oggi hanno discusso tutte parti processuali, compresi i legali Salvatore Sorbilli e Gianfranco Piscitelli, oltre all’avvocato Antonello Spada che tutela l’associazione Penelope: per un mese i suoi iscritti avevano cercato i due fratelli quando risultavano scomparsi.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x