Ultimo aggiornamento alle 23:02
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

La sentenza

Soldi ai boss delle ‘ndrine in cambio di voti, condannato l’ex assessore piemontese Rosso

Il tribunale di Asti ha inflitto 5 anni di carcere all’ex membro della giunta regionale. Dovrà risarcire anche Fratelli d’Italia di cui era esponente

Pubblicato il: 10/06/2022 – 15:11
Soldi ai boss delle ‘ndrine in cambio di voti, condannato l’ex assessore piemontese Rosso


ASTI È arrivato a sentenza in tribunale ad Asti il maxi processo “Carminius”, contro le presunte cosche della ‘Ndrangheta a Carmagnola e nella cintura sud di Torino, con 29 imputati, tra cui 13 per associazione mafiosa. L’ex assessore regionale Roberto Rosso, difeso dall’avvocato Giorgio Piazzese, è stato condannato a 5 anni, con interdizione in perpetuo dagli uffici pubblici e interdizione legale per la durata della pena. Per lui i pm Paolo Toso e Monica Abbatecola avevano chiesto 11 anni, la sua difesa il proscioglimento.
Il reato contestato a Rosso è per voto di scambio politico: consiste nell’avere chiesto appoggio elettorale, pagando 7.800 euro, a due presunti boss, Onofrio Garcea e Francesco Viterbo, già condannati in primo grado, quindi con una modalità di voto di scambio politico mafioso. Al momento della lettura della sentenza l’ex assessore non era presente. È stato inoltre condannato a risarcire Fratelli d’Italia, parte civile, per 75mila euro.
In aula in tribunale ad Asti questa mattina diverse parti civili contro tutti i 29 imputati. Resta da quantificare in separata sede la cifra che gli imputati dovranno garantire alla Regione Piemonte, mentre sono già noti i risarcimenti spettanti al Comune di Carmagnola (250mila euro) e all’associazione Libera (100mila).

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x