Ultimo aggiornamento alle 23:28
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il voto a Catanzaro

Voto disgiunto, Donato perde quasi il 10%. Fiorita e Ferro avanti rispetto alle liste

Alleanza per Catanzaro la lista più votata. Nel centrosinistra primeggiano le civiche, indietro Pd (5,8%) e M5S (2,76)

Pubblicato il: 14/06/2022 – 9:23
Voto disgiunto, Donato perde quasi il 10%. Fiorita e Ferro avanti rispetto alle liste

CATANZARO Valerio Donato al 43,82%, Nicola Fiorita al 31,86%, Antonello Talerico al 13,16% e Wanda Ferro al 9,19%. Più staccati e fuori competizione Francesco Di Lieto all’1,63% e Antonio Campo allo 0,34%. Questi i dati dello spoglio sui candidati a sindaco di Catanzaro quando manca una sola una sezione al completamento dello scrutinio nelle 92 in cui si è votato. E via via nella notte sono arrivati anche i dati delle coalizioni e delle singole liste, con questioni politiche già anticipate ieri circa il voto “anomalo” e “drogato” che andava delineandosi nel capoluogo di regione.
Sì perché tra i candidati a sindaco, in ragione del voto disgiunto che impone matematiche compensazioni, c’è chi se ne è avvantaggiato, ma soprattutto chi lo ha subito. Senza entrare nel merito dell’andamento dei flussi elettorali (destinato ad analisi successive), soffermandosi solo sui dati dello spoglio emerge che, per esempio, Valerio Donato con 20.347 voti ha raggiunto quasi il 44%, mentre le sue liste hanno ottenuto molte più preferenze (24.217) che portano il loro coefficiente al 53,62%: tra candidato a sindaco e liste mancano all’appello più di 3.800 voti, pari a oltre il 9%.
Sorte inversa, invece, è quella che si registra nel caso del diretto competitor e sfidante al ballottaggio (ormai certo), Nicola Fiorita che ottiene 14.796 voti (pari al 32%), mentre le sue liste si fermano a 11.732 preferenze che in termini percentuali valgono un 25,97% sul totale. Nel caso di Fiorita, dunque, è lui il valore aggiunto della coalizione che ottiene 3.064 voti in più con uno scarto percentuale, tra lista e candidato a sindaco, del 5,89%.
Caso similare è quello di Wanda Ferro che praticamente raddoppia i voti dell’unica lista a suo sostegno (Fratelli d’Italia) con 4.266 preferenze accordatele dal voto disgiunto per una percentuale del 9,19%, mentre FdI si ferma a 2.249 voti rispondenti al 4,98%. La parlamentare porta in dote 2.017 preferenze in più che si traducono in un +4,21%.
La differenza è di poche centinaia di voti, ma anche il candidato Talerico perde rispetto alle liste che lo hanno appoggiato. In questo caso rispetto ai 6.113 voti accordati al candidato a sindaco (13,16%) la coalizione raggiunge quota 6.379 preferenze raggiungendo il 14,12%: in pratica mancano all’appello per Talerico 266 schede che rappresentano quasi un 1% (-0,96).

I voti di lista e le percentuali

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x