Ultimo aggiornamento alle 20:04
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

lotta alla mafia

«In Piemonte la ‘ndrangheta punta agli appalti. E vuole eleggere i suoi uomini»

L’allarme del procuratore capo della Dda di Torino. Che acquisisce due nuovi pm per fronteggiare il pericolo rappresentato dai clan calabresi

Pubblicato il: 15/08/2022 – 8:05
«In Piemonte la ‘ndrangheta punta agli appalti. E vuole eleggere i suoi uomini»

TORINO «Occorre partire dalla considerazione che nel territorio di questo distretto negli ultimi anni l’azione dei gruppi di matrice mafiosa e nella specie della ’ndrangheta è radicalmente mutata. Al di là del traffico di stupefacenti, per fare cassa, le associazioni di stampo mafioso non si manifestano più con la commissione di omicidi, rapine o estorsioni eclatanti, ma prevalentemente attraverso l’infiltrazione in appalti pubblici, il condizionamento delle elezioni amministrative per far eleggere propri componenti o persone da loro condizionabili, l’infiltrazione in aziende apparentemente sane con lo scopo di riciclare il denaro di provenienza illecita, di ottenere lavori che altrimenti non potrebbero avere e di appropriarsi della loro ricchezza».

Anna Maria Loreto

Considerazione preoccupata che Anna Maria Loreto, procuratore capo della Dda di Torino, pone a fondamento per il trasferimento di due nuovi pm alla direzione distrettuale antimafia del capoluogo piemontese. Un allarme non nuovo, quello rilanciato nel virgolettato riportato da La Stampa, che serve però a mettere nella giusta prospettiva la nuova dimensione raggiunta dalle cosche calabresi in Piemonte.
Appalti e fondi europei sono i principali obiettivi della criminalità organizzata, sottolinea il procuratore generale Francesco Saluzzo: «La disponibilità di tutto questo denaro è un amo irresistibile per chi è disposto a scendere a patti. Ora che arrivano i soldi del Pnrr, che riprenderanno slancio i lavori pubblici, tutto questo esercita un appeal nei confronti di molti imprenditori. La possibilità di aggancio tra il mondo criminale mafioso e il mondo imprenditoriale è purtroppo reale e molto pericolosa».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x