Ultimo aggiornamento alle 21:27
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’editoriale

‘Ndrangheta, senza regole non c’è partita

«La mafia sarà vinta da un esercito di maestri elementari» ebbe a dire ai tempi delle stragi di mafia Gesualdo Bufalino, l’insegnante di Comiso, scrittore e amico di Leonardo Sciascia.Una ferma co…

Pubblicato il: 01/09/2022 – 18:53
di Paola Militano
‘Ndrangheta, senza regole non c’è partita

«La mafia sarà vinta da un esercito di maestri elementari» ebbe a dire ai tempi delle stragi di mafia Gesualdo Bufalino, l’insegnante di Comiso, scrittore e amico di Leonardo Sciascia.
Una ferma convinzione che assume, in giorni come questi, il tono di un lascito ispirato dai quei sentimenti di giustizia e libertà pagati con la vita dalle decine di uomini e donne che hanno scelto di non piegarsi, di non scendere a patti con avanzi di galera diventandone magari complici in attività delittuose come nell’ultima inchiesta portata avanti dalla Dda di Catanzaro. Di non essere condannati a vivere e morire in una terra considerata da molti solo una “terra di ‘ndrangheta”, soffocati da un regime mafioso che, oggi, tiene d’occhio il mondo.
Il monito di Bufalino – trascurato dalla politica ed ignorato da uno Stato, oramai, assuefatto all’inerzia della quotidianità – è senza dubbio uno degli antidoti alla nuova vecchia ‘ndrangheta (una tipicità solo italiana) che andava soffocata lì dove ha emesso i primi vagiti, lì dove sono ancora i proiettili a parlare anche durante la campagna elettorale. Lì e altrove dove le cronache raccontano di morti ammazzati, di sicari spietati, capaci di tutto, di intimidazioni continue e di imprenditori che da vittime diventano membri collusi, viziando l’economia.
Ma la sola repressione non può bastare. Serve un argine che parta dal basso, dai calabresi, e che sia capace di contrastare la mafia e la mafiosità. E nelle scuole calabresi più che altrove, gli insegnanti devono persuadere i ragazzi – portati a considerare le regole con un certo fastidio – che l’illegalità non conviene a nessuno, neppure a chi cerca scorciatoie e potenti rampe di lancio per arricchirsi.
Nessuno può rimanere spettatore passivo tanto meno gli organi di stampa, finiremmo con l’essere complici. Ditelo alla Cartabia. (paola.militano@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x