Ultimo aggiornamento alle 15:20
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’addio

Cosenza, l’ultimo saluto a monsignor Nolè. «Persona buona e paterna»

La cerimonia officiata dall’arcivescovo di Reggio Calabria. L’omelia è stata affidata a monsignor Ligorio, arcivescovo metropolita di Potenza. «La chiesa vive l’assenza del suo pastore»

Pubblicato il: 19/09/2022 – 16:02
Cosenza, l’ultimo saluto a monsignor Nolè. «Persona buona e paterna»

COSENZA Cosenza si stringe per l’ultimo abbraccio a Monsignor Francesco Nolè, vescovo di Cosenza-Bisignano deceduto giovedì a Roma, dove era ricoverato all’ospedale Gemelli. Sabato, dopo una breve sosta a Palazzo dei Bruzi, la salma ha raggiunto la Cattedrale dove è stata disposta la camera ardente. Oggi, alle 15, al Duomo il funerale di monsignor Nolè, la cerimonia funebre è stata officiata da Monsignor Fortunato Morrone, arcivescovo metropolita di Reggio Calabria. L’omelia è stata affidata a monsignor Salvatore Ligorio, arcivescovo metropolita di Potenza: amico ventennale di Monsignor Nolè. Presenti nella cattedrale, il sindaco di Cosenza e le massime autorità, civili, militari e religiose della Regione. In prima fila i familiari di monsignor Nolè, e oltre al sindaco della città dei bruzi Franz Caruso, anche il presidente della Provincia Rosaria Succurro, il sindaco di Bisignano e il governatore della Calabria, Roberto Occhiuto. In Cattedrale anche diversi consiglieri regionali cosentini. «Il vescovo Francesco con la sua testimonianza ci attesta che non sarà l’amore della bellezza a salvare il mondo, ma la bellezza dell’amore», dice nell’omelia monsignor Ligorio. «Francesco, un maestro della cattedra scomoda. La chiesa di Cosenza-Bisignano sente e vive certamente la mancanza del pastore che l’ha guidata in questi anni. L’arcidiocesi però oggi che piange la sua dipartita non è più povera, anzi è più ricca di una testimonianza da custodire e fare fruttificare con memoria riconoscente, perché il suo pastore è stato messo alla prova ed è stato trovato fedele». La salma di Monsignor Nolè, dopo la cerimonia funebre è stata trasportata a Potenza, città natale del vescovo di Cosenza.

Il racconto al Corriere

Monsignor Ligorio ha ricordato al Corriere della Calabria, Monsignor Nolè. «L’amicizia risale al 2000, quando lui fu ordinato vescovo a Tursi ed io ero a Potenza. Poi l’abbiamo portata avanti nella semplicità di persone che condividono lo scambio umano di esperienze pastorali». «Francesco era per me un amico fedele, sincero, paterno».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x