Ultimo aggiornamento alle 23:21
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

La decisione

Catanzaro, la Corte d’Appello dice “no” all’estradizione di un cittadino turco

I giudici hanno accolto la tesi difensiva del legale. «C’è il rischio concreto che possa essere sottoposto a trattamenti inumani»

Pubblicato il: 05/10/2022 – 13:26
Catanzaro, la Corte d’Appello dice “no” all’estradizione di un cittadino turco

CATANZARO Rigettata la richiesta di estradizione di un cittadino turco. È quanto ha deciso la Corte d’Appello di Catanzaro che non ha così accolto la domanda avanzata dal governo della Turchia. Secondo quanto stabilito dalla Seconda sezione penale, presieduta da Antonio Giglio e con consiglieri Rosaria De Girolamo e Barbara Saccà, la domanda non poteva essere accolta per il rischio concreto che lo stesso possa essere sottoposto a trattamenti inumani e degradanti nelle carceri turche.
Con la sentenza n.10/2022 del 27 Settembre, i giudici hanno così ritenuto valida accogliendola integralmente la tesi difensiva dell’uomo, sostenuta dall’avvocato Gianluca De Vito.
La difesa ha evidenziato come sussista la condizione ostativa alla concessione dell’estradizione (art. 698 co. 1. C.p.p.) poiché l’imputato, di etnia curda, avrebbe concretamente rischiato di subire la violazione di diritti fondamentali in virtù del fatto che la Turchia, pur facendo parte della Convenzione Europea dei diritti dell’Uomo e delle Libertà Fondamentali del 1950, in data 21.07.2016 abbia comunicato di sospendere la sua applicazione e quella del Patto Internazionale dell’ONU sui Diritti Civili e Politici del 1966.
Inoltre secondo i recenti rapporti di Amnesty International, Human Rights Watch nonché del Dipartimento di Stato Americano, vi sarebbero ancora molteplici falle nel sistema giudiziario e nel tessuto politico-sociale della Turchia, concernenti soprattutto l’abuso dei diritti umani, la repressione del dissenso, l’abuso di potere statale, la libertà di espressione e di riunione nonché abuso di maltrattamenti e condizioni di carcerazione inumane e degradanti sotto la custodia della polizia.
In questo contesto, si inseriscono, appunto, innumerevoli condanne alla Turchia da parte della Corte europea per i diritti dell’uomo tra cui la più recente risale al settembre 2021, con la condanna nei confronti della Turchia per la detenzione provvisoria dell’ex sindaco curdo di Siirti, Tuncer Bakirhan, incarcerato perché accusato di appartenere al PKK.
Proprio per tali motivi la Corte d’Appello di Catanzaro, richiamando le pronunce della Corte di Cassazione n. 32685/201, n. 54467/2016 e 26742/2021, ha negato l’estradizione in Turchia dell’imputato.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x