Ultimo aggiornamento alle 23:21
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

IL PROVVEDIMENTO

Consiglio delle Autonomie locali, finora poche candidature: elezioni del 20 ottobre sconvocate e rinviate a gennaio

Decreto del presidente di Palazzo Campanella Mancuso, che fissa una nuova data per votare i 22 componenti dell’organo consultivo della Regione

Pubblicato il: 07/10/2022 – 7:51
Consiglio delle Autonomie locali, finora poche candidature: elezioni del 20 ottobre sconvocate e rinviate a gennaio

REGGIO CALABRIA Poche candidature ed elezioni rinviate, se ne parla con il nuovo anno. Con un proprio decreto il presidente del Consiglio regionale Filippo Mancuso ha sconvocato le elezioni del Consiglio delle Autonomie Locali (Cal), organo consultivo della Regione, elezioni che erano in programma il 20 ottobre alla Cittadella. Alla scadenza del termine della presentazione delle candidature per i 22 componenti elettivi del Cal infatti – si specifica nel decreto presidenziale – “non sono pervenute candidature sufficienti a garantire l’assegnazione dei seggi” ai cinque collegi provinciali previsti, per questo Mancuso ha indetto le nuove elezioni del Consiglio delle Autonomie locali l’11 gennaio 2023, sempre nel seggio della Cittadella. Il decreto quindi dispone anche la riapertura dei termini per la presentazione delle candidature, “al fine di favorire l’ampliamento della platea dei partecipanti alla competizione elettorale”, fissando il nuovo termine di scadenza al 30 novembre 2022. I seggi nei collegi provinciali sono ripartiti tra i Comuni non capoluogo, i piccoli Comuni, i Comuni montani, i Comuni di minoranze linguistiche, Unioni di Comuni e presidenti di Consiglio comunale: i Comuni capoluogo sono rappresentati di diritto nel Cal. Dunque, ci sarà ancora da attendere per lo start del Consiglio delle Autonomie locali, organo che ha una certa importanza nella filiera istituzionale calabrese. Secondo quanto recita la legge regionale istitutiva, la numero 1 del 2007, il Cal è “l’organo rappresentativo del sistema delle autonomie locali istituito al fine di favorirne l’intervento nei processi decisionali della Regione e di attuare i princìpi di consultazione e cooperazione permanente tra Regione ed enti locali… Il Consiglio delle Autonomie locali esprime parere obbligatorio sulle proposte di atti all’esame del Consiglio regionale che attengono alla determinazione o modificazione delle competenze degli enti locali, al riparto di competenze tra Regione ed enti locali ovvero tra enti locali, alla istituzione di enti e agenzie regionali, al conferimento o alla delega di funzioni e delle relative risorse, alle modificazioni territoriali, alla proposta di bilancio regionale, alle proposte relative ad atti di programmazione generale, alle modifiche statutarie, alla delegificazione e semplificazione amministrativa, ad ogni altra questione che abbia ricadute sul sistema delle autonomie locali e su quanto demandato dallo Statuto e dalle leggi regionali. Il Consiglio delle Autonomie locali – prevede infine la legge istitutiva – può esprimere inoltre eventuali osservazioni su tutte le altre proposte depositate in Consiglio regionale”.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x