Ultimo aggiornamento alle 19:30
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’analisi

Ergastolo ostativo, Spagnuolo: «La pena ha una funzione più simbolica che fattuale» – VIDEO

Il procuratore di Cosenza partecipa alla giornata di studi della Camera penale. «Non ha senso vedere condannati morire in carcere da vegetali»

Pubblicato il: 07/11/2022 – 12:05
di Fabio Benincasa
Ergastolo ostativo, Spagnuolo: «La pena ha una funzione più simbolica che fattuale» – VIDEO

COSENZA Domani, la Corte Costituzionale tornerà a trattare «l’ergastolo ostativo», la norma interessa circa 1.200 detenuti e il Governo, in queste ore, è alle prese con la discussione sul delicato tema. Il tempo stringe, considerata l’ordinanza dell’aprile 2021 con la quale la Corte Costituzionale ha stabilito che l’ergastolo ostativo, è in contrasto con gli articoli 3 e 27 della CostituzioneAl Parlamento, visti anche i problemi legati al Covid, aveva dato una proroga alla precedente scadenza fissata a maggio 2022 di altri sei mesi per varare un nuova legge. Il tempo ormai è scaduto e domani la Corte si riunirà per discutere del tema. Intanto, la Camera Penale di Cosenza ha organizzato una giornata di studi dedicata proprio all’ergastolo ostativo, ai suoi effetti ed ai diritti dei detenuti. Ai lavori, ha preso parte anche Mario Spagnuolo, procuratore di Cosenza.

«La pena ha una funzione più simbolica che fattuale»

«È un momento di riflessione importante, una giornata di studi che va a collocarsi in un momento storico anche questo estremamente significativo: il tema dell’educazione stativo è complesso e probabilmente riguarda i filosofi del diritto ancor prima degli operatori», dice Spagnuolo al Corriere della Calabria. Che poi analizza il rapporto fra pena e colpa. «Oramai la pena nel nostro sistema giuridico ha una funzione più simbolica che effettuale, resta un problema di fondo è cioè quello di conciliare un principio costituzionale, quello della rieducazione dei condannati, con il fine pena mai. Da una parte vi sono le esigenze di sicurezza sociale determinate soprattutto dai condannati per gravissimi reati di criminalità organizzata e dall’altra, l’esigenza del recupero dell’individuo a fronte di questo atteggiamento pan penalistico del nostro legislatore che tende a dilatare la sfera del penale e soprattutto la sfera delle pene sempre più afflittive». Senza scendere in campo indossando la bandiera dei garantisti o quella dei manettari, vi è senza dubbio un’altra questione spinosa che si lega al tema dell’ergastolo: la questione morale. «Noi abbiamo un principio costituzionale che è quello del recupero del detenuto e poi vi è il principio costituzionale del rispetto della dignità dell’individuo», sottolinea il Procuratore. Che aggiunge: «Abbiamo assistito a condannati a pene definitive nei cui confronti non sono state concessi alcun tipo di benefici e sono stati lasciati morire in carcere da vegetali, mi chiedo che senso abbia». «Ripeto – chiosa Spagnuolo – dal punto di vista della afflittività della sanzione penale il senso è zero, dal punto di vista, invece, della efficacia simbolica della pena il discorso diventa più complicato e probabilmente non attiene alla sfera dell’operatore giurisdizionale, ma afferisce al mondo delle istituzioni e della politica». (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x