Ultimo aggiornamento alle 10:39
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

L’iniziativa

Catanzaro, in carcere si torna a giocare a calcio

Delfino: «Lo sport è indispensabile negli istituti detentivi per allentare le tensioni, favorire la mobilità a tutela del diritto alla salute»

Pubblicato il: 09/11/2022 – 13:41
Catanzaro, in carcere si torna a giocare a calcio

CATANZARO Una partita di calcio dà sempre una sensazione di libertà, di spirito di squadra, di passione. Una sensazione amplificata quando si gioca a calcio nel campo di un carcere. Torna a giocare la squadra composta dai detenuti della Casa Circondariale di Catanzaro, nuovamente iscritta, dopo la lunga pausa dovuta alla pandemia, al torneo amatoriale promosso dalla Delegazione provinciale di Catanzaro della Lega nazionale dilettanti della Federazione Italiana Gioco Calcio, la cui prima giornata è prevsita per sabato prossimo.
«Nell’ambito delle attività trattamentali promosse da questa Amministrazione rientrano le progettualità relative alla squadra di calcio interna di questo istituto formata da detenuti» spiega il direttore Patrizia Delfino, che precisa: «Lo sport è indispensabile negli istituti detentivi per allentare le tensioni, per favorire la mobilità a tutela del diritto alla salute, ma anche per promuovere la capacità di stare con gli altri, di rispettare le regole del gioco».
La squadra di calcio composta da detenuti si è già cimentata in passato in diverse partite amichevoli contro squadre di calcio esterne. Già negli anni scorsi è stato possibile portare avanti questa attività grazie all’impegno del personale dell’area educativa e di polizia penitenziaria e alla collaborazione della Lega calcio che ha dato un esempio alla comunità esterna.
I detenuti giocano sempre “in casa”, in quanto sono ovviamente le altre squadre che si recano in istituto; ma ciò non toglie che per 90 minuti lo sport fa la sua parte per portare il “mondo” oltre le sbarre.
Il calcio non richiama solo l’idea di libertà, in carcere, ma anche quella di famiglia: sono molti i genitori detenuti che sanno cosa vuole dire tirare in porta come si farebbe nel cortile di casa, con i propri figli. Si tratta di un messaggio importante: è possibile giocare meglio “ un secondo tempo”, non solo in una partita, ma anche nella vita. Si apre con questa idea il campionato 2022/23 al carcere di Catanzaro. Partite da giocare fino all’ultimo minuto, finestre aperte su una seconda possibilità.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x