Ultimo aggiornamento alle 15:26
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’intervista

‘Ndrangheta a Trento, i carabinieri: «Abbiamo imparato che non siamo esenti dalle infiltrazioni»

Il comandante Ederle a LaPresse: «L’inchiesta ‘Perfido’ ci ha insegnato a drizzare le antenne». E ancora: «Non dobbiamo dormire»

Pubblicato il: 14/11/2022 – 8:40
‘Ndrangheta a Trento, i carabinieri: «Abbiamo imparato che non siamo esenti dalle infiltrazioni»

«C’è una certa preoccupazione, forse più mediatica e politica, circa le infiltrazioni di tipo mafioso. Siamo stati protagonisti di questa prima grande indagine ‘Perfido‘ con tutta una serie di risvolti anche piuttosto ambigui. Da qui abbiamo imparato, e lo ha imparato anche il territorio, che non siamo esenti dai tentativi di infiltrazioni. Il Trentino è un territorio virtuoso, fertile e con attività economiche in salute che fanno gola alle organizzazioni che hanno trovato in tutto il nord Italia fonti di reddito». Lo dice dialogando con l’agenzia “LaPresse” il colonnello Matteo Ederle, comandante provinciale dei Carabinieri di Trento, anticipando il bilancio di un anno di attività di controllo del territorio facendo riferimento al processo ‘Perfido’, il primo procedimento giudiziario in corso su presunte infiltrazioni dell’ndrangheta nel tessuto economico del porfido.

«Le organizzazioni si sono raffinate»

«La ‘diffidenza’ del territorio fa sì che il Trentino riesca ancora a difendersi da solo – precisa il colonnello Ederle – ma l’occasione, si sa, fa l’uomo ladro. Dopo ‘Perfido’ c’è stata un’opera di sensibilizzazione e confronto tra forze di polizia e magistratura: l’inchiesta ha dimostrato una certa ‘ingenuità’ investigativa per non aver intercettato alcuni sintomi del problema. È anche vero che le modalità operative delle mafie sono radicalmente cambiate». «Non ci sono più minacce ed estorsioni, caporalato e violenze. Le grandi organizzazioni mafiose – spiega ancora il comandante – si sono ‘raffinate’ avvalendosi di professionisti di alto rango per rilevare società e controllare settori produttivi con meccanismi che, sotto il profilo legale, sono perfetti. Difficile dunque monitorare eventuali sintomi di infiltrazione ma ‘Perfido’ ci ha insegnato a drizzare le antenne. Bisogna imparare a pensare con una sorta di ‘pregiudizio’ professionale per equiparare il Trentino a Lombardia, Piemonte e Veneto dove i segnali sono più evidenti. I tempi sono maturi: non dobbiamo dormire».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x