Ultimo aggiornamento alle 10:39
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la decisione

Giudici di Catanzaro a cena a casa di Pittelli, il Plenum vota per il trasferimento di Perri e Scuteri

Questa la decisione nei confronti dei due magistrati della Corte d’Appello del capoluogo. Contestati “rapporti di non distaccata frequentazione” con il penalista imputato in Rinascita

Pubblicato il: 23/11/2022 – 17:40
di Alessia Truzzolillo
Giudici di Catanzaro a cena a casa di Pittelli, il Plenum vota per il trasferimento di Perri e Scuteri

ROMA Con 17 voti favorevoli e sei astenuti il Plenum del Consiglio superiore della magistratura ha votato a favore della proposta della prima commissione del Csm di trasferire i giudici della Corte d’Appello di Catanzaro Giuseppe Perri e Pietro Scuteri.
La procedura era stata aperta contestando ai due magistrati i “rapporti di non distaccata frequentazione con Giancarlo Pittelli”, durante i quali si sarebbero occupati di procedimenti patrocinati dall’avvocato. Tra le altre cose, come è emerso dalle indagini del processo Rinascita Scott – nel quale  Pittelli è imputato con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa – il 16 marzo del 2018 i due togati (all’epoca entrambi giudici per le indagini preliminari al tribunale di Catanzaro) parteciparono a una cena a casa dell’avvocato Giancarlo Pittelli, ex parlamentare di Forza Italia, che venne intercettata con un trojan nel cellulare di Pittelli. Perri e Scuteri sono attualmente consiglieri della Corte d’appello di Catanzaro e per questo sarebbero potenzialmente in grado di compromettere la possibilità di svolgere , «in maniera serena, indipendente ed imparziale, anche sul piano della percezione esterna e della necessaria credibilità», le loro funzioni nel settore penale della Corte d’Appello di Catanzaro, «nel quale patrocinano i colleghi di studio dell’avvocato Pittelli ed al quale, con ogni probabilità, confluirà il processo Rinascita Scott».
I due giudici avevano chiesto di essere trasferiti nel settore civile della Corte d’appello ma la proposta è stata oggi respinta dal Plenum che ha deciso per il trasferimento dei due magistrati.

Le dichiarazioni dei consiglieri

Nel corso della seduta odierna del Plenum sono intervenuti diversi consiglieri.
Secondo Alberto Maria Benedetti il problema è che dall’analisi di quello che emerge dalle indagini, «emerge un rapporto che non è limitato all’essere andati a cena». Il problema, ha detto il consigliere, «è che il rapporto tra i due magistrati e l’avvocato Pittelli faceva emergere una confidenzialità che legittimava l’avvocato a parlare con questi magistrati di questioni sull’organizzazione degli uffici». Benedetti ha sottolineato come Perri e Scuteri «mai neppure sentito il dovere di astenersi dai procedimenti che coinvolgevano l’avvocato Pittelli e gli altri». Secondo il consigliere il punto non è la cena in sé ma è il prima della cena e dopo la cena e l’effetto amplificatore ottenuto anche dal processo Rinascita Scott.
Il consigliere Antonino Di Matteo ha posto la questione, non solo del procedimento Rinascita Scott ma anche dell’inchiesta della Dda di Reggio Calabria per a quale Pittelli è indagato per il suo rapporto sinallagmatico (rapporto di do ut des, ndr) con la cosca Piromalli per la quale l’avvocato avrebbe veicolato informazioni all’esterno e interno del carcere e «fatto da postino». Di Matteo ha sottolineato come gli interessi della massoneria e della ‘ndragheta possono trovare sbocco anche in settori del diritto civile. Secondo Di Matteo anche il trasferimento nel distretto di Reggio Calabria non farebbe venire meno i presupposti dell’articolo due, ovvero la norma che regola il trasferimento d’ufficio per incompatibilità ambientale.
Loredana Micciché ha parlato di «crinale pericoloso» e ha affermato che in questa vicenda non sono stati rispettati i limiti entro cui dovevano essere contenuti i rapporti visto che nel corso della cena si parla anche della nomina del presidente del Tribunale del Riesame. (a.truzzolillo@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x