Ultimo aggiornamento alle 7:14
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’intervento

Santuario della Madonna della Grotta, 18 anni fa il crollo per l’erosione della roccia. «Pronto il progetto di recupero» – VIDEO

Erano migliaia i fedeli che giungevano nella frazione Bombile di Ardore. Campisi: «Un sogno riportare la gente a scendere quei gradini»

Pubblicato il: 28/12/2022 – 9:15
di Mariateresa Ripolo
Santuario della Madonna della Grotta, 18 anni fa il crollo per l’erosione della roccia. «Pronto il progetto di recupero» – VIDEO

ARDORE Erano migliaia i fedeli che da tutta la Calabria giungevano in particolare nel mese di maggio nella frazione Bombile di Ardore, in provincia di Reggio Calabria, e che percorrevano, anche in ginocchio, i 141 gradini che portavano al Santuario della Madonna della Grotta. Il giorno di maggiore affluenza era il 3 maggio. A testimoniarlo oggi rimangono solo le foto, perché a causa di una frana che si è verificata nel 2004 oggi il sito è irraggiungibile. «Dai rilievi è emerso che il crollo è stato causato dalle infiltrazioni di acqua nella roccia», racconta ai microfoni del Corriere della Calabria il sindaco Giuseppe Campisi, che spiega: «È stato un evento traumatico per la comunità, ma allo stesso tempo miracoloso, perché fino a 20 minuti prima c’era all’interno una scolaresca».

La folla di fedeli in pellegrinaggio

Il santuario e il crollo

Il santuario, risalente al XV secolo, era incastonato in una impervia parete rocciosa e raggiungibile solo mediante una scalinata alta 28 metri scavata nella pietra. Il 28 maggio 2004 alle 12:30 si stacca parte della parete in tufo della montagna che inonderà di macerie la grotta. Da quelle macerie nell’aprile 2007 si riuscirà a recuperare la statua della Madonna che è ora custodita nella Chiesa dello Spirito Santo. «Da uno studio fatto dai geologi dell’epoca – afferma il sindaco Campisi – è emerso che il crollo è stato causato da eventi naturali. Essendo una roccia sabbiosa negli anni le infiltrazioni dell’acqua hanno portato allo scivolamento della montagna che si è portata via il santuario».

Il progetto di recupero. «Sarebbe un sogno riportare la gente a scendere quei gradini»

Il Comune di Ardore ha ottenuto un finanziamento dalla Regione Calabria di 600mila euro e ora l’obiettivo è quello di riuscire a restituire alla comunità almeno una parte dell’opera. «Abbiamo affidato la progettazione all’ingegnere Italiano e al geologo Ursino che stanno lavorando per l’intervento. A breve – spiega il primo cittadino – dovremmo approvare la progettazione. Con questi 600mila euro il nostro intendimento è quello di mettere in sicurezza la parte rimasta tra il santuario e le scale, e sotto le scale, in modo da poter rendere accessibili le scale e arrivare in fondo e recuperare quello che è rimasto del piazzale. Pensiamo poi con un nuovo finanziamento o con un prestito dalla Cassa depositi e prestiti di realizzare un grande piazzale e un altare dove poter mettere una statua della Madonna e renderla accessibile almeno nei giorni di festa, 1, 2 e 3 maggio». «Per tutta la comunità – aggiunge Campisi – sarebbe un sogno riportare la gente a scendere quei gradini per arrivare al santuario».

Dissesto idrogeologico. Campisi: «Alcune zone franose vanno messe in sicurezza»

«Abbiamo alcune zone franose che vanno messe in sicurezza», spiega infine il sindaco parlando della situazione di alcune aree della cittadina interessate da dissesto idrogeologico. Diversi gli interventi che Campisi spera di poter mettere in atto: «Come sappiamo – afferma – i nostri paesi non hanno una bella situazione a livello idrogeologico. Abbiamo chiesto dei finanziamenti, vediamo con il Pnrr se riusciamo ad ottenere qualcosa di importante per sistemare la situazione». (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x