Ultimo aggiornamento alle 10:48
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 5 minuti
Cambia colore:
 

i consigli

Economia circolare: il mercato dei ricambi per auto usate

Negli ultimi anni, il concetto di economia circolare è stato estremamente apprezzato da molte industrie e il mondo automobilistico non fa eccezione

Pubblicato il: 29/12/2022 – 17:39
Economia circolare: il mercato dei ricambi per auto usate

In un momento in cui lo sviluppo sostenibile è diventato uno dei temi più importanti degli ultimi decenni, è più che mai necessario adottare uno stile di vita eco-responsabile. Negli ultimi anni, il concetto di economia circolare è stato estremamente apprezzato da molte industrie e il mondo automobilistico non fa eccezione. In effetti, l’uso di ricambi auto di seconda mano è sempre più popolare. Come è possibile ? Quali sono i principali vantaggi? Dove trovare pezzi di ricambio usati? Scopri le risposte a queste domande leggendo questo articolo.

Cos’è l’economia circolare?

A differenza dell’economia lineare, l’economia circolare designa un modello di produzione e scambio ad anello, limitando lo spreco di risorse e la produzione di rifiuti. In parole povere, consiste nell’utilizzare i rifiuti di un settore al fine di reintegrarli in un’altra catena del valore. Sostiene la condivisione, il riutilizzo, la riparazione, il rinnovamento e il riciclaggio. L’obiettivo è quello di promuovere l’uso delle risorse esistenti e disponibili. Per fare ciò, i prodotti vengono nuovamente inseriti nel ciclo economico per ricreare valore. Per quanto riguarda l’economia circolare applicata al settore automobilistico, i prodotti offerti li puoi trovare qui. Sono ricambi affidabili perché vengono raccolti da riciclatori autorizzati ed esperti. Questo ti dà una garanzia di affidabilità e qualità. Fare il tuo acquisto online su un sito specializzato nella vendita di ricambi di seconda mano significa investire in articoli che rispettano le norme e i fondamenti dell’economia circolare. L’economia circolare si basa su alcuni pilastri ben distinti.

Approvvigionamento sostenibile

Si tratta di un metodo di estrazione molto più sostenibile, vale a dire che limita gli scarti operativi e la rimozione di materiali non rinnovabili.

Eco-design

Ciò si riferisce a un processo eco-responsabile che tenga conto dell’intero ciclo di vita. Ovviamente, questo tipo di iniziativa è supportata da strumenti e supporti adeguati.

Ecologia industriale e territoriale

Questo pilastro illustra una perfetta simbiosi di scambi di flusso. È anche l’evidenziazione della messa in comune dei bisogni. Il principio è semplice: ottimizzare le risorse messe a disposizione in un territorio attraverso un approccio sistemico.

L’economia funzionale

L’economia funzionale è il settimo pilastro dell’economia circolare secondo Ademe. Favorisce l’uso rispetto al possesso e alla vendita di servizi legati al prodotto.

Consumo responsabile

L’idea è quella di incoraggiare un attore economico a fare una scelta eco-responsabile, vale a dire tenendo conto dell’impronta ecologica in ogni fase della catena del valore.

L’estensione della durata di utilizzo

Allude alla ricerca di servizi di riparazione e all’acquisto di oggetti di seconda mano. Tra le altre cose, questo pilastro illustra il riutilizzo.

Il riciclo

Si tratta di riutilizzare i prodotti a fine vita. È un concetto sempre più popolare.

Il vantaggio di passare a un’economia circolare

L’economia circolare mira a limitare la produzione di nuovi componenti automobilistici promuovendo così la transizione ecologica.

La scarsità di risorse

La domanda di materie prime continua ad aumentare ogni anno. Eppure la scarsità di risorse sta diventando imminente. Alcune risorse naturali non sono più sufficienti a soddisfare i bisogni.

Dipendenza da altri paesi

La stragrande maggioranza dei paesi europei dipende da altri paesi per l’approvvigionamento di determinati prodotti e materie prime. L’economia circolare renderebbe quindi possibile essere molto più indipendenti.

L’impronta ecologica

L’estrazione delle materie prime, la fabbricazione e il trasporto dei prodotti esercitano una notevole pressione sull’ambiente. L’economia circolare consentirebbe così un uso più sostenibile dei materiali e una riduzione dell’impronta ecologica.

I vantaggi di acquistare ricambi auto usati

Il mercato dei pezzi di seconda mano è in piena espansione in Francia. Questo successo può essere spiegato dai numerosi vantaggi offerti da questa alternativa.

Un gesto verso l’ambiente

L’economia circolare è entrata nel settore automobilistico. Scegliendo le parti usate, partecipi alla conservazione dell’ecosistema. In effetti, i processi di produzione dei ricambi auto sono responsabili di gran parte dell’inquinamento e dell’esaurimento delle risorse. Privilegiare i ricambi di seconda mano permette così di ridurre lo scarico di rifiuti tossici e l’inaridimento delle risorse.

Un’opzione economica

Il prezzo è un innegabile vantaggio dei pezzi di ricambio usati. Questi consentono di ottenere risparmi fino al 70%. Quindi, questa è un’ottima opzione se hai un budget limitato. Inoltre, investire in parti usate consente di ottimizzare l’ammortamento delle spese di riparazione. Beneficerai infatti di parti perfettamente compatibili e funzionali a un prezzo ridotto.

Una vasta scelta di ricambi auto

I ricambi auto usati sono disponibili in un’ampia varietà. A differenza delle parti nuove, non sono difficili da trovare. Avrai a tua disposizione un’ampia scelta di ricambi, immediatamente disponibili:

  • ricambi per la carrozzeria: possiamo citare il paraurti, la calandra, le porte, il tirante porta, il sottoporta, ecc.;
  • la tappezzeria e le parti di tappezzeria: troviamo la plancia, i sedili, l’airbag, lo specchietto retrovisore, il ripiano posteriore, la pedaliera, ecc.;
  • parti ottiche: fari, luci posteriori, gruppi ottici, ecc.;
  • parti meccaniche: sono il comando del riscaldamento, l’alzacristallo, ecc.;
  • parti elettroniche,vetri,e altri accessori.

Tra le parti più ricercate ci sono ammortizzatori, dischi freno, fari anteriori e posteriori, pastiglie freno, filtri olio, alzavalvole, coppe, candele, kit frizione, specchietti, cambio, ecc.

Automotive: dove trovare i ricambi usati?

È possibile trovare rapidamente e facilmente le parti riutilizzate sul web. Navigando in un sito dedicato, troverai un’ampia scelta di ricambi usati, di tutte le marche. Il catalogo comprende tutti i tipi di articoli:

  • fari: sono dispositivi di illuminazione e segnalazione indispensabili per la tua sicurezza;
  • specchi: sono una delle parti più popolari. Il tuo potrebbe aver subito uno shock e devi sostituirlo;
  • il motore: questi siti offrono anche diversi tipi di motori per sostituire un modello difettoso;
  • carrozzeria e attrezzatura: su questi siti troverai anche tutto l’occorrente per riparare la carrozzeria oltre a vari accessori indispensabili.

I prodotti offerti sono notevolmente più economici delle parti nuove. Inoltre, come abbiamo già accennato, puoi risparmiare fino a oltre il 70%.

L’acquisto online di ricambi auto usati: una soluzione vantaggiosa

Questa opzione agisce doppiamente sulla protezione dell’ambiente. Oltre al risparmio realizzato, lo shopping online è una delle azioni eco-responsabili più apprezzate degli ultimi anni.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x