Ultimo aggiornamento alle 13:11
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’analisi

De Micheli: «Il problema del Pd? I suoi iscritti non contano, decide tutto un’oligarchia»

La candidata alla segreteria nazionale in un incontro a Vibo Valentia: «Se la base non ha voce il destino del partito è segnato»

Pubblicato il: 09/01/2023 – 15:56
De Micheli: «Il problema del Pd? I suoi iscritti non contano, decide tutto un’oligarchia»

VIBO VALENTIA «La partecipazione è importante, è il sale della democrazia, ma se la partecipazione non decide la democrazia non si compie; e nel Partito democratico è incompiuta in quanto esiste invece una oligarchia che decide tutto, sia sulle persone, che sui temi, che sui contenuti». Lo ha detto Paola De Micheli, candidata alla carica di segretario nazionale del Pd, intervenendo a Vibo Valentia in occasione di un incontro con dirigenti provinciali e iscritti dem. «Abbiamo un problema – ha aggiunto De Micheli – all’interno del Pd: i suoi soci non contano nulla. Basti pensare che c’era un milione di iscritti alla nascita mentre oggi sono appena 55mila. Di fatto, i circoli non decidono chi sono i parlamentari né sulle scelte politiche. Nel momento in cui non si dà voce alla base nei processi decisionali il destino è segnato: ci si ridurrà a diventare un movimento elettorale per candidare sindaci, presidenti di Provincia, di Regione. Non è questo il destino della sinistra, ma secondo qualche altro candidato alla segreteria invece sì».
«Per parte mia – ha sostenuto ancora De Micheli – credo che abbiamo fondato il Pd per fargli assolvere un ruolo storico e che anche i circoli devono esistere come sentinelle del territorio per la loro capacità di prossimità ai problemi veri».

«Il Pd non ha pensato ai cittadini ma ai bisogni dei dirigenti»

«La mia candidatura, con un punto di vista femminile, concreto, pragmatico, realistico vuole provare a rivitalizzare il principio che ci ha uniti 16 anni fa e vuole provare a disegnare un desiderio, una visione collettiva per ritornare ad avere voglia di cambiare il mondo, senza tatticismi. Di tattica muoiono le squadre di calcio, figuriamoci i partiti politici» ha detto ancora De Micheli. «Io credo che noi ci siamo persi – ha aggiunto De Micheli – perché il Pd è diventato un luogo in cui bisognava rispondere non ai bisogni dei cittadini ma dei singoli dirigenti. Questa situazione ha determinato rotture sulle relazioni interpersonali, l’assenza di una vera unità del partito a fronte di un unanimismo di facciata in certi passaggi, anche molto delicati della nostra storia. O il Pd si riprende il principio vitale per il quale è nato e che è il desiderio collettivo di cambiare le cose, di perseguire politiche egualitarie e sostanziali, altrimenti in questo modo non ce la facciamo, neanche se viene il Padreterno a guidarlo».

«Il ponte sullo Stretto un’opera necessaria»

«Io credo che il Ponte sullo Stretto sia necessario soprattutto perché andiamo verso la realizzazione dell’Alta velocità ferroviaria Salerno-Reggio Calabria che da ministro avevo iniziato a finanziare con il Pnrr, poi traslata nel Fondo complementare». Ha detto De Micheli. «Io sono quella – ha aggiunto – che, da Ministro, ha fatto ripartire proprio il progetto del Ponte sullo Stretto. La commissione Catalano ha analizzato il vecchio progetto ritenendolo insostenibile economicamente, dal punto di vista ambientale e sotto il profilo tecnologico. Abbiamo così rilanciato un nuovo modello costruttivo e un finanziamento pubblico». De Micheli ha fatto riferimento anche ai progetti che aveva avviato all’epoca in cui era ministro, dall’Alta velocità al rilancio del porto di Gioia Tauro, fino ai lavori di ammodernamento della strada statale 106 Jonica. Riguardo il porto, in particolare, la candidata alla segreteria del Pd ha affermato che si tratta di «una grandissima infrastruttura» grazie alla quale «se si realizzerà il Piano infrastrutturale che ho fatto votare nel giugno del2020 dal Parlamento, si apriranno anche per la Calabria nuove prospettive di lavoro per i giovani che avranno così la possibilità di realizzare qui la loro vita e i loro sogni». (Ansa)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x