Ultimo aggiornamento alle 11:59
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 5 minuti
Cambia colore:
 

sviluppo

La Zes (finalmente) decolla. Ecco, a tempi di record, il primo insediamento a Lamezia: è il gruppo Callipo – VIDEO

Rilasciata all’imprenditore vibonese in una settimana l’autorizzazione numero 1. Il commissario della Zona economica speciale, Romano: così alimentiamo la fiducia

Pubblicato il: 07/02/2023 – 16:41
La Zes (finalmente) decolla. Ecco, a tempi di record, il primo insediamento a Lamezia: è il gruppo Callipo – VIDEO

LAMEZIA TERME La Zes della Calabria (finalmente) decolla. È la “Giacinto Callipo conserve alimentari srl” la prima società alla quale è stata rilasciata l’autorizzazione numero 1 per una nuova attività in una delle aree comprese nel perimetro della Zona economica speciale, nel caso specifico nell’area della zona industriale di Lamezia Terme. L’ok è arrivato a tempi di record: dal 12 al 20 gennaio, una settimana più un giorno, per la precisione un venerdì, questo l’arco temporale per la conclusione della procedura.

La tempistica record

L’imprenditore di Pizzo, Pippo Callipo, il 12 gennaio scorso ha avanzato allo sportello unico della Zes Calabria richiesta di autorizzazione unica di insediamento di un nuovo reparto di confezionamento di conserve alimentari in due capannoni dell’area industriale di Lamezia Terme – San Pietro Lametino. Nello stesso giorno il commissario straordinario della Zes, Giuseppe Romano, ha indetto conferenza dei servizi decisoria da effettuarsi in maniera semplificata e in modalità asincrona per il rilascio dell’autorizzazione unica fissando in quattro giorni, se si esclude il week end, il termine perentorio entro il quale i soggetti coinvolti – Comune di Lamezia Terme e Corap (Consorzio regionale attività produttive) – avrebbero dovuto rendere le proprie determinazioni. Termine rispettato. Venerdì 20 gennaio è stata protocollata l’autorizzazione unica.

«Così alimentiamo il circuito della fiducia»

Ovviamente soddisfatto il commissario straordinario della Zes Calabria, Giuseppe Romano, per un via libera che ha in evidente significato,, invertendo il pregiudizio e dando fiducia alla Calabria. «Vogliamo che sia il prototipo di quello che è possibile fare in Calabria», dice Romano nel corso di una conferenza stampa nell’area industriale di Lamezia Terme. «Semplificare, accelerare, rendere vantaggioso un investimento – aggiunge il commissario Zes – sono gli obiettivi strategici della Zes. Abbiamo gli strumenti per poter intervenire. Ma soprattutto dobbiamo alimentare il circuito della fiducia, le imprese devono credere nel futuro di questa regione, noi dobbiamo credere nelle loro capacità e creare il contesto competitivo per farle operare. La sburocratizzazione – che diventa essa stessa un vantaggio economico –  l’abbattimento dei tempi e la possibilità di ave un unico interlocutore, il commissario di Governo, rende certo il piano di un investimento, lo incoraggia. Abbiamo richieste di investimenti in tutte le aree Zes del Mezzogiorno d’Italia. Il modello organizzativo funziona e non può essere considerato “un favore” a una parte svantaggiata del Paese. E’, piuttosto, una strategia precisa, soprattutto ora – rimarca Romano – che la rotta mediterranea pone tutto il Mezzogiorno e in particolare la Calabria in una posizione di vantaggio e di indubbie opportunità. Noi non ce le faremo sfuggire».

«Un bellissimo spot per noi e la Calabria»

«Se avessimo voluto fare un disegno preordinato – ha aggiunto Romano – non avremmo potuto scegliere sceneggiatura migliore, perché Callipo è un imprenditore calabrese che crede nella propria terra e che ha creduto in questa innovazione dettata dallo strumento della Zes. A mio avviso è il miglior spot possibile per il lancio della Zes. L’auspicio è che dopo di lui tanti altri scelgano questo strada e poi dai calabresi si passi a tanti altri che vedono in questo territorio una reale attrazione». Romano ha poi osservato: «Io cerco di non fare annunci ma di rappresentare i fatti che riusciamo a determinare, ma credo che l’opera che deve portare avanti il commissario del governo sia ancorata a due presupposti tra loro paralleli: le risposte agli imprenditori che investono e una risposta generale sulla realizzazione di infrastrutture capaci di supportare l’insediamento che si realizza. Il compito del commissario, affiancato dagli enti istituzionalmente preposti – Regione, Governo, Comuni e Province – è riuscire a determinare risultati tangibili anche per la collettività». Quanto al futuro, Romano ha affermato: «Dobbiamo essere noi a cercare di cogliere le opportunità che promanano dal governo centrale e regionale perché siamo in un’epoca in cui, attraverso il Pnrr, sono poste a disposizioni miriadi di fondi che vanno utilizzati. Il compito come commissario di governo è quello di portare a terra quelle opere che rientrano nel Pnrr. C’è un rapporto sinergico con la Regione Calabria che ci consentirà di realizzare, anche attraverso convenzioni e accordi, opere infrastrutturali importanti solo per la Zes ma per l’intero territorio». per Romano infine «è il tempo di cambiare la narrazione, non dobbiamo più narrare quello che non è stato fatto ma quello che si sta facendo. Il mio auspicio è che si possa arrivare a un monitoraggio costante in modo da percepire concretamente i passi avanti».  Proprio qualche giorno fa il commissario Romano ha ribadito la rilevanza assoluta delle Zes come acceleratore di sviluppo e strumento concreto di operatività anche a Milano, dove ha partecipato alla prima edizione del festival del management organizzato, presso l’Università Bocconi, dalla Società italiana di management Sima.  La “Giacinto Callipo” è stata autorizzata all’insediamento di una nuova piastra logistica, completamente digitalizzata. L’area Zes diventa così – è stato evidenziato in una conferenza stampa nell’area industriale lametina  – lo snodo ottimale per il processo distributivo delle rinomate produzioni del “re del tonno” che saranno prima stoccate a Maierato, per poi raggiungere Lamezia.  (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x