Ultimo aggiornamento alle 15:59
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

la sentenza

Rigopiano, pioggia di assoluzioni. Esplode la rabbia dei parenti delle vittime

Sono state cinque le condanne decise dal Gup di Pescara. Urla in aula: «Vergogna, vergogna»

Pubblicato il: 23/02/2023 – 19:31
Rigopiano, pioggia di assoluzioni. Esplode la rabbia dei parenti delle vittime

Sono 25 le assoluzioni e cinque le condanne decise del gup di Pescara nel processo sula tragedia dell’Hotel Rigopiano di Farindola, travolto e distrutto, il 18 gennaio 2017, da una valanga, evento in cui morirono 29 persone fra ospiti e dipendenti. Tra i condannati, con una pena di due anni e otto mesi, il sindaco di Farindola (Pescara) Ilario Lacchetta. L’accusa aveva chiesto per Lacchetta, sindaco attuale e all’epoca del disastro, 11 anni e 4 mesi. Assolti, invece, l’ex prefetto di Pescara, Francesco Provolo e, l’ex presidente della Provincia, Antonio Di Marco. I 30 imputati tra amministratori e funzionari pubblici, oltre al gestore e al proprietario della struttura, erano accusati a vario titolo dei reati di disastro colposo, omicidio plurimo colposo, lesioni, falso, depistaggio e abusi edilizi. Caos in aula dopo la lettura della sentenza. Molti parenti delle vittime hanno contestato la decisione del giudice.  “Vergogna vergogna. Ingiustizia è fatta. Assassini. Venduti. Fate schifo”, queste le urla dei parenti delle vittime alla lettura della sentenza. Alcuni parenti delle vittime sono stati trattenuti a stento dalle forze dell’ordine.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x