Ultimo aggiornamento alle 10:32
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 6 minuti
Cambia colore:
 

reset

Chiusa l’inchiesta sulla ‘ndrangheta “confederata” di Cosenza. Gli indagati sono 245 – NOMI

Formalizzate le accuse al sindaco sospeso di Rende Marcello Manna. Nuove contestazioni per i boss ergastolani Ruà e Bruni. Nel lungo elenco degli indagati anche i prestanome del braccio economico d…

Pubblicato il: 14/03/2023 – 15:38
Chiusa l’inchiesta sulla ‘ndrangheta “confederata” di Cosenza. Gli indagati sono 245 – NOMI

COSENZA Sono 245 le persone per le quali la Dda di Catanzaro ha chiuso le indagini e formulato accuse nell’ambito dell’inchiesta Reset, una quarantina in più rispetto a quelle raggiunte da provvedimenti restrittivi nel settembre scorso. L’inchiesta sulla ‘ndrangheta “confederata” nel capoluogo bruzio muove dalle dinamiche criminali nell’area urbana cosentina e ha rivoli che si spingono fino ai rapporti con la politica. L’atto che chiude le indagini è firmato dal procuratore capo Nicola Gratteri, dall’aggiunto Vincenzo Capomolla e dai pm Vito Valerio, Corrado Cubellotti e Margherita Saccà.
Tra gli indagati figura anche il sindaco sospeso di Rende Marcello Manna. Assieme a lui, nel lungo elenco, anche l’ex assessore ai Lavori Pubblici, Pino Munno, considerato in rapporti pericolosi con gli esponenti rendesi del clan. La Cassazione, nei giorni scorsi, ha  bocciato l’ordinanza del TdL di Catanzaro che aveva annullato il provvedimento restrittivo emesso nei confronti di Manna. Un capitolo va riservato ai pentiti. Dopo Danilo Turboli è apparso un nuovo collaboratore di giustizia legato alla criminalità nomade, Ivan Barone.

Le nuove accuse di favoreggiamento ai boss ergastolani

Con la chiusura dell’inchiesta viene contestato ai boss ergastolani Gianfranco Ruà e Gianfranco Bruni il favoreggiamento nei confronti del capo delle cosche “confederate” Francesco Patitucci. Ruà e Bruni avrebbero reso, secondo l’accusa, in Assise, lo scorso anno, false dichiarazioni sul duplice omicidio di Marcello Gigliotti e Francesco Lenti, avvenuto nel febbraio del 1985 a Rende. Ruà e Bruni, «nel corso del processo», avrebbero resto «dichiarazioni escludenti la responsabilità» di Patitucci, aiutandolo a «eludere le investigazioni circa il suo coinvolgimento nella vicenda omicidiaria». In particolare, Ruà in una udienza del marzo 2021, «in sede di confronto» con l’altro imputato Franco Pino, ex capomafia di Cosenza, avrebbe reso «dichiarazioni mendaci». Pur autoaccusandosi, «per la prima volta dopo la sua condanna in primo grado», di aver partecipato al duplice omicidio, avrebbe alterato «la ricostruzione dei fatti e l’individuazione dei soggetti coinvolti» per «accapponare «dalla medesima accusa Francesco Patitucci». 

Il delitto Ruffolo

Altra novità rispetto al quadro iniziale dell’inchiesta è la contestazione al braccio destro di Patitucci, Roberto Porcaro, della partecipazione nell’omicidio di Giuseppe Ruffolo, nel settembre del 2011, in pieno centro, a Cosenza. Sarebbero state le dichiarazioni di Turboli a indirizzare le indagini verso il contesto mafioso.

I prestanome dei clan

Nuovi indagati anche nel segmento dell’inchiesta che ha fatto luce sugli interessi economici dei clan a Cosenza e dintorni. Rispetto alla prima fase di discovery dell’inchiesta, figurano nel lungo elenco anche i presunti prestanome del braccio economico delle cosche.

Gli indagati

ABATE Fabrizio, ABBRUZZESE Antonio detto “Tonino”, ABRUZZESE Antonio detto “Strusciatappine”,ABRUZZESE Antonio, nato a Cosenza, ABBRUZZESE Celestino detto “Micetto”, ABBRUZZESE Fioravante detto “Banana” o “Fiore”, ABRUZZESE Fiore detto “Minuzzo”,ABBRUZZESE Franco detto “a’ Brezza” o “il Cantante”, ABBRUZZESE Luigi detto “Pikachu”, ABBRUZZESE Marco, ABBRUZZESE Nicola, ABRUZZESE Rocco detto “Pancione”, ABBRUZZESE Rosaria detta “la Rumena”, ABRUZZESE Saverio, ALIMENA Gianluca, ALOISE Giovanni detto “Mussa i ciuccio”, ALUSHI Claudio, ALDIA Pierangelo, ANTONUCCI Armando detto “U dottore”, ARIELLO Salvatore detto “Basa”, ARNO Rosina, ARTESE Ariosto, AURELLO Rosario, AVOLIO Luigi, BARONE Ivan, BARTUCCI Danilo, BARTUCCI Giuseppe, BELMONTE Giuseppe, BENVENUTO Gianluca, BENVENUTO Massimo, BERLINGIERI Luigi detto “Cinese” o “Giapponese” o “Faccia d’angelo” o “Faccia di ghiaccio”, BERTOLDI Massimo, BERTOLDI Piero, BEVILACQUA Antonio, BEVILACQUA Cosimo detto Mimi, BEVILACQUA Cosimo detto “Corvo Nero”, BEVILACQUA Fabio, BEVILACQUA Fiore detto “Menu muzza”, BEVILACQUA Leonardo detto ”Occhialone”, BEVILACQUA Luigi detto “Gino del Cafarone” o “Zannuto”, BEVILACQUA Luigina detta “la Civetta”, BEVILACQUA Nicola, BEVILACQUA Francesco, BRACCIOFORTE Aurelia, BRIGUORI Agostino, BROCCOLO Giuseppe, BRUNI Andrea, BRUNI Andrea (classe 1990), BRUNI Gianfranco detto “U Tupinaru”, BRUNI Pasquale, BRUNI Pasquale (classe 1970), BRUNIANI Carmelina, BRUNIANI Giuseppe Zoltan, BRUNO Alfredo, CALANDRINO Salvatore detto Sasa’, CAMPANILE Ernesto, CAMPOLONGO Gianluca, CAPUTO Carmine, CAPUTO Giuseppe, CARELLI Damiano, CARELLI Francesco, CARIATI Alessandro, CARIELLO Placido detto Dante, CARPINO Andrea, CARUSO Andrea Vincenzo, CASELLA Francesco, CASTIGLIONE Michele,CATANZARO Alessandro, CEGLIE Maria Rosaria, CELLO Andrea, CHIANELLO Federico, CHIAPPETTA Patrizio, CHIARADIA Daniele, CHIODO Antonio, CIANCIO Massimo, CILIBERTI Francesco detto “Cicciluzzo”, CIRANNO Fabiano detto Fabio, CIRILLO Giuseppe, COLASUONNO Antonio, CONTE Cesare, COVELLI Antonio detto “Nino Lino”, CURCIO Francesco, D’ALESSANDRO Marco, D’AMBROSIO Adolfo, D’AMBROSIO Aldo Andrea, D’AMBROSIO Cristian, D’AMBROSIO Emma, D’AMBROSIO Massimo, DE CICCO Alessio, DE CICCO Francesco, D’ELIA Massimiliano, D’ELIA Cesare detto “Cesando”, DE GIOVANNI Andrea, DEL POPOLO Sergio, DE MARI Pietro, DE ROSE Antonio, DE ROSE Pasquale detto “vecchiaredàru”, DE VUONO Armando, DI PUPPO Michele, DI PUPPO Umberto, DRAGO Carlo, DRAGO Giovanni, DRAGO Patrizia, FALBO Renato, FALCONE Angelo, FALVO Rosetta, FERRARO Cristian detto “Champagne”, FERRARO Umile, FERRISE Simone, FILICE Eugenio, FILIPPELLI Rosa, FIORILLO Anna, FLORIO Remo, FOGGETTI Adolfo, FRONTINO Angelo, FUOCO Fabrizio, FUOCO Oscar, GARDI Pietro, GAROFALO Gino, GAROFALO Giovanni, GAROFALO Rosanna, GAROFALO Salvatore, GERVASI Mario, GIANNELLI Fabio detto “Leoncino”,GIOIA Fabrizio,GRANATA Alberigo,GRANDINETTI Giovanni, GRECO Andrea, detto “U Peritimi”, GRECO Francesco, GRECO Simone, GROSSO Stefano, GUATANO Francesco, GUIDO Silvia, IANTORNO Francesco detto “Tarzanicchiu”,IIRILLO Giuseppe detto “Vecchiarella”, ILLUMINATO Antonio, IMPIERI Luciano, LA CANNA Sergio, LAMANNA Carlo, LAMANNA Daniele, LANZINO Ettore, LANZINO Umile, LARATTA Fabio, LO POLITO Massimiliano, LUCANTO Silvia, LUCA’ Antonio, MADIO Saverio, detto U’Mussutu o LI’Grassa, MAESTRI Gianluca, MAGNELLI Antonio, MAIONE Gianluca, MAIONE Massimo Giuseppe, MANNA Marcello, MANZO Antonio detto “Tonino”, MANZO Cosimo, MARCHIOTTI Francesco, MARIGLIANO Stefano Antonio, MARITATO Roberta, MAROTTA Antonio, MARSICO Mauro detto “Lupin” o “Mbambaru”, MAZZEI Andrea, MAZZEI Francesco, “U cacatu”, MELLONE Lauretta, MIDULLA Giuseppe, MOLLICA Bruno, MONDERÀ Giuseppe, MONTUALDISTA Ivan, MORABITO Francesco, MORELLI Alfredo, MORRONE Alessandro, MORRONE Alessandro (classe 1988), MORRONE Filippo, MUNNO Pino, OCCHIUZZI Francesco Pompeo, OLIBANO Roberto Junior, ORLANDO Silvio, PALERMO Massimo, PALMIERI Anna, PAPARA Francesco, PATITUCCI Francesco, PELLEGRINO Damiana, PERRI Mario, FERRI Sandro, PERRONE Giuseppe, PEZZI Erminio, PIATTELLO Enzo, PIGNATARO Antonio, PIGNATARO Ciro, PIROMALLO Giuseppe, PIROMALLO Mario detto Renato, PISANI Paolo, POLICASTRI Antonio Carmine, PORCARO Roberto, PRESTA Antonio detto “Tonino”, PRESTA Francesco detto “Franco”, PRESTA Gennaro, detto Gennarino, PRESTA Giuseppe detto “Peppola”, PRESTA Roberto detto “Hobby”, PRETE Domenico, PRETE Remo,RAIMONDO Sergio, RANGO Maurizio, RECCHIA Paolo, REDA Andrea, REDA Ines, REDA Francesco, REDA Paolo, RENDE Michele, RIPEPI Francesco, RIZZUTI Marcello, nato a Cosenza, il 29.01.1964, elettivamente domiciliato a Cosenza in via Don Gaetano MAURO, ROMANO Denny, ROSSIELLO Massimiliano, RUA’ Gianfranco, RUFFOLO Cristian Francesco, RUGIANO Rosa, RUSSO Antonio, detto “Tonino”, SALERNO Domenico, SALERNO Stefano, SANNA’ Domenico, SATIRO Eugenio, SATURNINO Marco, SCARTATO Orlando, SESSO Salvatore, SIMERANO Luca, SIRANGELO Mario, SOLLAZZO Mario detto “Rondine”, SORRENTINO Francesco, STELLA Alessandro, SOTTILE Ettore, STOLA Francesco, SUPERBO Alberto, TASSONE Francesco, TIRALONGO Francesca, TORNELLI Marco, TOSCANO Vittorio, TRINNI Ivan, TRINNI Mario, TURBOLI Alberto, TURBOLI Danilo, VELTRI Francesco, VOLPENTESTA Massimo,VOMERO Sandro, VOZZA Cristian, ZAFFONTE Giuseppe, ZENGARO Roberto, ZINNO Antonio detto “Tolonno”. (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x