Ultimo aggiornamento alle 23:20
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il caso

Cosenza, Eugenio, 29 anni, morto a causa di una sanità allo sbando

La denuncia del gruppo “La Base”: «Si può morire per un’infezione non curata bene? Per mancanza di una barella adatta? Per un’attesa di 50 minuti?»

Pubblicato il: 19/03/2023 – 18:19
Cosenza, Eugenio, 29 anni, morto a causa di una sanità allo sbando

COSENZA Un’altra persona strappata alla vita a causa della malasanità. È quanto segnala il collettivo “La Base” che racconta in una nota quanto accaduto a Eugenio Bisogni, 29 anni.
«L’ennesima vita stroncata dalla malasanità – dice la nota –, dalla privatizzazione funzionale ai potentati locali, da chi continua a raccontarci favole sul cambiamento e si dice ottimista. 
Fa riflettere quanto possa apparire normale una notizia come questa, alle nostre latitudini. 
Un ragazzo di ventinove anni può morire a partire da un’infezione non curata bene? SI. In Calabria, in Italia, è normale.
Si può morire perché non si dispone di una barella adatta al trasporto di una persona con un caso clinico particolare? È davvero possibile continuare ad affidarsi alla fortuna quando l’ambulanza che sta venendo a prenderti deve percorrere oltre 50 minuti di strada provinciale? 
Non siamo indignatə, siamo saturə di queste tragedie annunciate, siamo fuoriosə! 
Non spetta a noi rintracciare colpevoli fisici, ma dobbiamo gridarlo a gran voce e senza assuefarci che un’altra persona è morta  a causa di un diritto negato!
Quante altre ne dovranno morire prima che dalle parole si passi ai fatti? La nostra rabbia è tanta e l’unico strumento davvero utile al contrasto di questo sistema marcio risiede nelle nostre mani. 
Lo smantellamento della sanità pubblica non si fermerà, le nuove manovre, tra cui l’autonomia differenziata, incombono su territori già devastati come la Calabria, e sarà l’ingiustizia a far da padrona. 
Ogni strage fa levare la maschera ai burocrati del potere, a prescindere che si muoia in mare, in ospedale o sul luogo di lavoro, le persone sono trattate sempre più come dei numeri in bilancio. Non troviamo pietà, vergogna, senso di giustizia. 
È evidente che per chi dovrebbe garantire i nostri diritti ogni morte rappresenti un mero terreno di scontro politico, un’occasione per scambi di opinioni di basso calibro.
Le esperienze ce lo insegnano.
Con rabbia, chiediamoci fino a che punto ancora si può accettare tutto questo!
Basta morire nelle mani dello Stato.
Basta malasanità. 
Privati, manager e politicanti: andate a casa!»

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x