Ultimo aggiornamento alle 22:59
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’operazione

“Basso profilo”, sequestrati quattro milioni a un agente immobiliare legato alla ‘ndrangheta

Operazione della Dia di Catanzaro. Sigilli ad aziende, fabbricati e rapporti bancari. I presunti rapporti di Gugliotta con il clan Trapasso

Pubblicato il: 30/03/2023 – 12:41
“Basso profilo”, sequestrati quattro milioni a un agente immobiliare legato alla ‘ndrangheta

CATANZARO Sequestrati 4 milioni di beni a Umberto Gugliotta, agente immobiliare arrestato nel 2021 nell’Operazione “Basso profilo”. Questo il bilancio di un’operazione della Dia di Catanzaro, coordinato dalla Procura Distrettuale Antimafia. L’uomo è ritenuto gravemente indiziato di essere promotore di una organizzazione, composta da società “cartiere” cui erano preposti dei soggetti prestanome, finalizzata all’emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti – e al suo nucleo familiare.

Aziende, fabbricati, rapporti bancari: cosa è stato sequestrato

Il sequestro riguarda 4 complessi aziendali, 31 fabbricati; 3 terreni; 3 auto; 2 moto; tutti i rapporti bancari, polizze assicurative, depositi a risparmio, buoni postali fruttiferi intestati e/o riconducibili ai proposti e ai loro familiari. La proposta si fonda su complesse indagini di natura economico-patrimoniale svolte, anche con l’ausilio di sofisticati software, ad opera degli specialisti della Dia del Centro Operativo di Catanzaro, volte a verificare la provenienza dell’ingente patrimonio riferibile al destinatario del provvedimento e la sproporzione rispetto ai redditi dichiarati e all’attività lavorativa.

I legami del professionista con la cosca Trapasso

Le indagini riguardano le vicende patrimoniali e commerciali dell’uomo, che viene indicato come soggetto portatore di pericolosità sociale qualificata, in ragione della emersione degli elementi indiziari sviluppati nella proposta. Le indagini hanno portato al convincimento che a a partire dal 2005, appartenesse alla cosca Trapasso. Gli elementi a sostegno dell’odierna misura ablativa danno conto, fra l’altro, dei rapporti con la suddetta famiglia nel settore dell’usura e nel settore degli investimenti di denaro frutto di attività illecite.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x