Ultimo aggiornamento alle 12:18
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 5 minuti
Cambia colore:
 

il caso

Il Csm dovrà votare per la terza volta il procuratore di Reggio Calabria

La decisione del Cds detta “nuovi” criteri all’organo di autogoverno della magistratura. Nessuna “chiusura” alla conferma di Bombardieri

Pubblicato il: 04/04/2023 – 20:03
Il Csm dovrà votare per la terza volta il procuratore di Reggio Calabria

REGGIO CALABRIA Di certo c’è che, per la terza volta, il Consiglio Superiore della Magistratura dovrà votare per il procuratore della Repubblica di Reggio Calabria. Altra certezza: dovrà esprimersi tendendo «conto di tutti i dati e i documenti che sono definitivamente acquisiti alla procedura e cristallizzati al momento della presentazione delle domande dei candidati, e che devono essere oggetto di valutazione obbligatoria secondo la legge, il regolamento o l’atto amministrativo di auto-vincolo vigenti al momento dell’indizione della procedura comparativa». È uno dei passaggi contenuti nel dispositivo con il quale il Consiglio di Stato ha rigettato il ricorso con il quale il Csm ha chiesto di revocare la sentenza di ottemperanza disposta a fine gennaio dai giudici amministrativi che, per la seconda volta, avevano annullato la nomina di Giovanni Bombardieri a procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, accogliendo l’appello proposto da Raffaele Seccia, l’ex procuratore di Lucera e attuale sostituto pg in Cassazione. Niente revoca della decisione, dunque, ma un nuovo “giudizio” richiesto all’organo di autogoverno della magistratura. Il “no” del Consiglio di Stato non è, tuttavia, come sottolinea il Fatto Quotidiano, una chiusura rispetto all’eventuale conferma di Bombardieri. Si registrano toni più morbidi nella sentenza di oggi rispetto a quelli utilizzati nella sentenza di ottemperanza. Si stabilisce che il diritto della nomina a procuratore della Repubblica di Reggio Calabria spetta al Csm: «Non vi è alcuna preclusione per il Csm (né vi potrebbe essere) – scrive il Consiglio di Stato – di prendere in esame in sede di riesercizio del potere tutti gli atti e i documenti acquisiti nel concluso procedimento amministrativo». Una richiesta che il Csm ha sempre avanzato nello scontro istituzionale.

I “nuovi” criteri di valutazione del Csm

In sostanza il Consiglio di Stato ha, da una parte, deciso di non revocare la sentenza di ottemperanza emessa a gennaio, ma dall’altra ha accolto “in parte” il ricorso di Bombardieri e «ha dettato i criteri definitivi» attraverso i quali il Csm dovrà rivotare nei successivi 30 giorni per il procuratore di Reggio Calabria. Nel farlo il Consiglio superiore della magistratura dovrà valutare «tutti gli atti già acquisiti nel procedimento» e, «nell’esaminare le autorelazioni dei magistrati, non potrà limitarsi a desumere la sussistenza dei dati dichiarati, ma dovrà confrontarli con la documentazione fornita dai candidati a supporto delle proprie candidature, verificando l’idoneità di tale documentazione a comprovare quanto dichiarato e rinnovando il giudizio comparativo». Questioni tecniche che non precludono affatto a una conferma di Bombardieri ai vertici della Dda di Reggio Calabria. D’altra parte l’avvocato Valerio Zimatore, che assiste il procuratore di Reggio nel giudizio amministrativo, ha parlato al Quotidiano del Sud di «bicchiere mezzo pieno» rispetto alla sentenza odierna. La nuova valutazione dettata dai giudici amministrativi sarà dunque «più completa ed esaustiva, in quanto richiama il principio giurisprudenziale specifico secondo cui “l’apprezzamento dei candidati da parte del Csm deve essere svolto in maniera unitaria”, e deve tenere conto, oltre che della proposta organizzativa, di tutte le “altre risultanze prodotte dai candidati o comunque acquisite al procedimento, nell’insieme del materiale istruttorio che formerà poi oggetto della valutazione consiliare”…».

Lo scontro tra Csm e Consiglio di Stato sulla nomina di Bombardieri

La nomina di Bombardieri a procuratore di Reggio Calabria, che risale al 2018, era stata annullata una prima volta nel maggio dello scorso anno dal Consiglio di Stato in accoglimento di un primo ricorso presentato da Seccia che era stato rigettato in primo grado dal Tar del Lazio. Il 22 luglio il Plenum del Csm aveva confermato all’unanimità la nomina di Bombardieri, ribadendo la decisione che aveva assunto quattro anni prima. Ma anche questa seconda nomina è stata annullata dal supremo organo amministrativo che ha prima accusato il Csm di inottemperanza e poi gli ha ordinato di pronunciarsi di nuovo. Una decisione, quella del Consiglio di Stato, che secondo il Csm era «affetta da un macroscopico errore di fatto». Il riferimento era all’ «affermazione secondo cui Seccia sarebbe l’unico fra i due candidati a poter vantare un’esperienza in tema di coordinamento investigativo». Per il Consiglio superiore della magistratura, infatti, questa affermazione «è clamorosamente erronea» così come è un «dato grossolanamente errato quello secondo il quale Bombardieri non avrebbe mai svolto funzioni di coordinamento investigativo in procedimenti» di mafia. Reati di cui, invece, il magistrato calabrese si è occupato «continuativamente per 21 anni, sia nelle funzioni giudicanti che requirenti e, quanto a queste ultime, per 4 anni presso la Dda di Roma, presso la Dda di Reggio Calabria e, da ultimo, presso la Dda di Catanzaro, tanto nella veste di coordinatore, quanto di componente titolare di fascicoli». A Catanzaro, inoltre, Bombardieri è stato procuratore aggiunto, «ricoprendo quindi un ruolo di primo piano nell’organizzazione dell’intero ufficio e non soltanto con riferimento al gruppo di magistrati ad esso assegnati». Ma è stato anche vicario del procuratore Nicola Gratteri, in una Distrettuale che vanta 26 sostituti, molti di più rispetto alle Procure di Lucera (5 sostituti), oggi soppressa, o di Fermo (4 sostituti) dove ha lavorato Seccia che, dal canto suo, ha «esercitato il coordinamento della Dda di Bari solamente per 7 mesi peraltro in epoca risalente (dal febbraio al settembre 2010) in qualità di sostituto procuratore».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x