Ultimo aggiornamento alle 14:59
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la vertenza

Licenziamenti all’impianto di Alli, Lo Schiavo incontra i lavoratori e annuncia un’interrogazione

Il consigliere regionale si rivolgerà all’assessore Minenna: «Come si attiverà la Regione a tutela dei lavoratori?»

Pubblicato il: 15/04/2023 – 12:31
Licenziamenti all’impianto di Alli, Lo Schiavo incontra i lavoratori e annuncia un’interrogazione

CATANZARO «Ho incontrato una delegazione dei lavoratori dell’impianto di trattamento rifiuti di Alli, nel Catanzarese. Ben 18 di loro, più della metà della forza lavoro in servizio nel sito, hanno ricevuto la lettera per l’avvio delle procedure di licenziamento da parte di Alli Scarl, la società consortile che gestisce l’impianto. Ho voluto ascoltare dalla viva voce dei lavoratori le vicende che caratterizzano questa delicata situazione in cui, come spesso accade, la controparte più debole si trova a scontare le criticità aziendali e politiche che interessano il sistema. Si tratta di una questione complessa che chiama in causa, a più livelli di responsabilità, soggetti pubblici e privati che intervengono nel ciclo del trattamento dei rifiuti. Tra questi, benché le competenze siano state scaricate sulla nuova authority acqua e rifiuti Arrical, vi è certamente la Regione Calabria che, nel tempo, non ha messo in atto quelle azioni che avrebbero certamente potuto contribuire ad un rilancio del sito. È quanto dichiara il consigliere regionale Antonio Lo Schiavo (presidente del Gruppo misto – Liberamente progressisti) a margine di un incontro con i lavoratori dell’impianto di trattamento dei rifiuti di Alli, interessati da una procedura di licenziamento».   

«Come si attiverà la Regione a tutela dei lavoratori?»

«Il timore – afferma ancora Lo Schiavo – è che, nello scontro tra le parti in causa, le garanzie occupazionali possano essere utilizzate come strumento di pressione per ottenere condizioni più vantaggiose. Ciò non è tollerabile e va rigettato con forza ogni tentativo di strumentalizzazione dei lavoratori. Al tempo stesso, tuttavia, la Regione non può sottrarsi alle proprie responsabilità e deve chiarire in che modo intende far sì che il sito non subisca ulteriori arretramenti e come pensa di intervenire affinché si interrompa il suo costante depotenziamento. Allo scopo presenterò presto, rivolgendomi all’assessore regionale all’Ambiente Minenna, un’interrogazione a risposta immediata per chiedere se e come la Regione Calabria si attiverà a tutela dei lavoratori della discarica di Alli».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x