Ultimo aggiornamento alle 23:43
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

La sentenza

Ricettazione di opere d’arte, assolto imprenditore del Castrovillarese

Il Tribunale di Castrovillari ha scagionato l’uomo. Era accusato di aver acquistato opere frutto di furti

Pubblicato il: 28/05/2023 – 11:13
Ricettazione di opere d’arte, assolto imprenditore del Castrovillarese

CASTROVILLARI Assolto “perché il fatto non sussiste” dall’imputazione di ricettazione di opere d’arte sacra il titolare di un’importante azienda. È quanto ha stabilito il Tribunale di Castrovillari che ha così accolto le richieste degli avvocati Francesco Nicoletti e Giusy Acri, legali dell’imprenditore.
All’uomo si contestava di aver procurato a sé o ad altri un profitto per aver acquistato o comunque ricevuto una serie di importanti opere, ritenute provento di furto, che venivano rinvenute nella sua disponibilità.

L’indagine


La più ampia indagine è partita dal Comando Carabinieri – Tutela Patrimonio Culturale – Nucleo di Bari – a seguito del rinvenimento di effigi fotografiche raffiguranti beni ecclesiastici presuntivamente asportati da chiese ubicate nelle province di Roma, Foggia, Benevento e Avellino. Nello specifico si trattava di due reliquari risultati provento di furto in una chiesa di Ciciliano (Roma); una coppia di angeli porta cero in legno, risultati provento di furto perpetrato in una chiesa del Comune di San Miniato (Pisa); una statua lignea di Gesù Bambino risultata provento di furto in una chiesa all’interno di un convento di Lucera (Foggia).
Rinvenuti alcuni oggetti nella disponibilità dell’imputato, il Nucleo  di Bari – Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – svolgeva minuziosi accertamenti risalendo al furto delle sculture lignee raffiguranti degli angeli reggi cero presso una Chiesa del Comune di San Miniato. Da qui la successiva attività investigativa dei Carabinieri di San Miniato nell’ambito della quale veniva escusso a sommarie informazione un uomo che, essendosi occupato in prima persona dei beni culturali della Diocesi, riferiva del furto, regolarmente denunciato, di diverse opere d’arte perpetrato nel 2000 all’interno della Cattedrale tra cui le due sculture lignee che riconosceva dalle foto e che corrispondevano alle opere descritte nella denuncia.

L’iter processuale


All’esito di tale attività d’indagine veniva disposto il sequestro penale di tutti gli oggetti d’arte sacra e il titolare dell’azienda veniva rinviato a giudizio. In accoglimento della richiesta della difesa, il processo è stato celebrato con il rito abbreviato.
Nel corso della discussione finale i difensori dell’imputato hanno dimostrato l’assoluta estraneità del proprio assistito ai fatti contestati. Il Tribunale di Castrovillari, all’esito della camera di consiglio, in totale accoglimento delle richieste avanzate dei legali ha assolto l’imputato con la formula più ampia.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x